Galleria Borghese, respiri e urla per riavvicinarci al sublime