Kuga city, ultimo primo modello

Restyling in attesa della nuova versione presentata a Ginevra.

12 Aprile 2012

La Ford Kuga city.

La Ford Kuga city.

Una versione rivisitata del primo modello della Ford Kuga. In attesa dell’arrivo a fine anno della nuova, presentata al pubblico all’ultimo Salone di Ginevra.
La presentazione è prevista per le prossime settimane. Si tratta della Ford Kuga City, modello che sarà proposto ad un prezzo base di nemmeno 23 mila euro, e che è fornito anche di una buona dotazione di serie, oltre che di un unico motore, il 2,0 litri TDCi diesel da 140 cavalli proposto in abbinamento alla trazione anteriore e alla trasmissione manuale a sei marce che consuma mediamente 5,9 l/100 Km. Il propulsore garantisce un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 10,2 secondi e raggiunge i 186 chilometri di velocità massima.
DI SERIE ANCHE IL VOLANTE IN PELLE. Fra gli equipaggiamenti di serie della nuova Ford Kuga City troviamo il climatizzatore automatico bizona, i cerchi in lega da 17pollici con pneumatici 235/55, i fendinebbia, il pulsante di avviamento Ford Power e il portellone posteriore sdoppiato. Disponibile anche il sistema audio Sony con Bluetooth e connessione USB/AUX, il ruotino di scorta e il volante rivestito in pelle regolabile in altezza e profondità. Si dovrà invece pagare qualcosa in più per la verniciatura della carrozzeria: si va dai 300 euro del Bianco frozen ai 550 euro dei due metallizzati Grigio polvere di luna e Nero panther.
Questa sarà l’ultima versione del primo modello del Suv della casa di Detroit, che a partire dalla fine di quest’estate metterà in commercio la nuova generazione, molto più moderna e tecnologica dell’attuale, sgorgata da un progetto internazionale dal quale è nata anche la nuova generazione di Ford Escape.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Matteo Renzi e Pier Carlo Padoan.
Banche, industria e consumi: l'Italia saluta …

Il Paese rischia di chiudere male il 2016. Pil a +0,8%. Domanda interna bloccata. Ordini e importazioni in calo. E così si complica il lavoro di Padoan in Europa.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Brexit, il Labour tra caso Corbyn e spaccatura

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

prev
next