VERITÀ NASCOSTE

Caso Ligresti, Cancellieri smentita dai tabulati

I tabulati: dal marito del ministro sei chiamate allo zio di Giulia.

15 Novembre 2013

I tabulati parlano chiaro. E smentiscono la verità raccontata dal ministro della Giustizia Anna Maria Cancellieri.
Mentre si avvicina la data del voto sulla mozione di sfiducia che il Movimento 5 stelle le ha scagliato contro per la vicenda della scarcerazione di Giulia Ligresti, un appuntamento sul quale si sono addensate le nubi del Pd dopo la carica di Pippo Civati, nuove rivelazioni picconano le giustificazioni date al parlamento dalla stessa Cancellieri.
LA TESI DEL MINISTRO TRABALLA. La tesi della telefonata di solidarietà umana fatta una famiglia di vecchi amici caduta in disgrazia, non regge più. Come svela nuovamente Repubblica, che aveva già tolto il velo alla terza chiamata fatta e poi taciuta dalla guardasigilli, la frequenza e la tempistica delle telefonate tra il ministro, suo marito e i Ligresti, raccontano di un rapporto continuo.
In particolare tra il 17 luglio e la prima settimana di agosto, nella fase decisiva per decidere sulla permanenza in carcere della donna, Sebastiano Peluso, il marito del ministro Cancellieri, ha chiamato per ben sei volte lo zio di Giulia, Antonino.
Alle 13.33.20 del 19 agosto il numero chiamante è quello del ministro (il cellulare con il prefisso 366) e il numero chiamato è quello di Antonino Ligresti, che risponde da una località della Val d’Aosta.
SEI TELEFONATE TRA PELUSO E ANTONINO LIGRESTI. Dai tabulati delle chiamate di Antonino Ligresti non spunta solo il nome del ministro di Giustizia ma anche quello del marito della signora Cancellieri, Sebastiano Peluso. Per sei volte il cellulare di Peluso ha comunicato con quello del fratello del patriarca. E, particolare interessante, la maggior parte delle chiamate, della durata di 3-4 minuti, è tra la fine di luglio e la prima settimana di agosto, quando la figlia di Salvatore Ligresti si trova in carcere a Vercelli. In un periodo cioè ben precedente a quando il ministro ha raccontato di aver appreso della situazione di Giulia Ligresti parlando al telefono con lo zio (quel 19 agosto per l'appunto).
CANCELLIERI: «GIUDICATEMI DAI FATTI». «Non giudicatemi da quella telefonata ma dai fatti che ne sono seguiti», aveva detto il ministro il 5 novembre scorso al Parlamento. Ed è proprio questo il nodo. Dopo la telefonata del 17 luglio alla compagna di Salvatore Ligresti, certamente la chiamata più compromettente («non è giusto, non è giusto »), sono seguite sei chiamate del marito del ministro ad Antonino Ligresti e tre telefonate dello stesso ministro sempre al fratello del patriarca.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

antonioc 15/nov/2013 | 15 :22

finitela
ce una grossa indecenza in questo paese di ominicchi, loro lo sanno e non si schidano, non manca molto all' arrivo dei forconi e allora sarà tardi per molti, fidatevi il livello dell' acqua sta arrivando al limite di guardia e non lo vedono perche impegnati a ridipingere la facciata....
svegliamoci o sarà troppo tardi

Alessandromagno 15/nov/2013 | 11 :49

Che cosa non vuole rivelare la Procura di Torino ? Forse ha cambiato veste e invece di essere indipendente nell'esercizio delle Sue Funzioni . . s'è messa d'accordo con chi dovrebbe indagare ?
Ce da dire che stiamo assistendo all'Indecenza Politica del PD a difesa d'un Ministro che indegnamente riveste il Ruolo Istituzionale di Guardasigilli , cui dovrebbe prevalere il senso dell'Alta carica di Ministro della Giustizia, uguale per tutti e al di sopra delle parti, ma che evidentemente è un ruolo cui non è pertinente con la Signora Cancellieri ! Quello che stiamo assistendo da un PD ai vertici dell'Esecutivo è degno solo d'un Paese da terzo Mondo , che vuole solo imporre i propri principi al di là dei principi giusti , voluti e preposti sia dalla Democrazia che dalla Costituzione di questo Stato Repubblicano ! Se è con questi presupposti indecenti ed irresponsabili che il PD vorrebbe Governare questo Paese . . meglio che non si presenti nemmeno alle Elezioni ! Chi sbaglia deve andare via !

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. ESTERI New York, due poliziotti uccisi per vendetta 2. ELEZIONI Tunisia, vincono i laici 3. MANOVRA Legge di Stabilità, presentati 130 emendamenti 4. GOVERNO Renzi contro i magistrati: «Facciano sentenze» 5. OPEN DATA Spesa pubblica, online il sito soldipubblici.it
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next