Decreto mutui, ecco i correttivi in arrivo

Bagarre a Montecitorio. Il governo apre a modifiche sulle sette rate non pagate oltre le quali scatterebbe il pignoramento. Nuovi limiti temporali e soglie quantitative. Come cambia il testo.

02 Marzo 2016

La protesta del Movimento 5 stelle, che ha occupato il corridoio davanti alla commissione Finanze per impedire la discussione del decreto legislativo sui mutui.

(© Ansa) La protesta del Movimento 5 stelle, che ha occupato il corridoio davanti alla commissione Finanze per impedire la discussione del decreto legislativo sui mutui.

Lavori bloccati e deputati espulsi dall'Aula. Commissione Finanze che rinvia il parere e governo che apre ad alcune correzioni.
Una giornata al cardiopalma per il decreto che recepisce la direttiva dell'Unione europea sui mutui.
Il testo, una volta corretto, dovrebbe chiarire senza possibilità di equivoci che il decreto non è retroattivo e che il suo intento è di tutelare il più possibile i consumatori.
Si vedrà.
IL NODO DEL 'PATTO MARCIANO'. Oggetto principale del contendere è il cosiddetto 'patto marciano', che prevede che il creditore diventi proprietario della cosa (in questo caso, della casa) ricevuta in garanzia allorché il debitore sia inadempiente. Dopo sette rate non pagate e senza passare dal giudice. Secondo i partiti d'opposizione e le associazioni dei consumatori, si tratterebbe di un esproprio a danno dei cittadini da parte delle banche.
M5S SULLE BARRICATE. Il Movimento 5 stelle, che ha lanciato sui social networl la campagna #LaCasaNonSiTocca, ha fatto la barricate in parlamento. Prima occupando i corridoi di Montecitorio, per impedire l'ingresso in commissione Finanze dei deputati. Poi con una protesta in Aula trasmessa in diretta televisiva e corredata di striscioni sventolati fin sotto il banco della presidenza. Risultato: seduta sospesa più volte, tre deputati grillini espulsi, cartellino rosso anche per il democratico Emanuele Fiano.
PD STIGMATIZZA LA PROTESTA. Nella riunione dei capigruppo, convocata subito dopo, il comportamento dei rappresentati M5s è stato stigmatizzato dalla presidente della Camera, Laura Boldrini.
Mentre il capogruppo del Pd, Ettore Rosato, si affrettava a ribadire che le norme contestate già «si praticano per sentenza della Cassazione», ma assicurando comunque l'arrivo di correzioni.
LE APERTURE DELLA MAGGIORANZA. Che il governo sia disponibile a ritocchi lo ha confermato anche il viceministro dell'Economia, Enrico Zanetti. Zanetti ha spiegato che gli interventi si concentreranno sul riferimento alle sette rate, che dovrebbe essere cambiato «con un riferimento ad archi temporali» precisi. Inoltre, con ogni probabilità, verrà introdotto anche un riferimento quantitativo all'entità del debito non pagato, oltre il quale scatterebbe il 'patto marciano'. Un altro chiarimento in arrivo riguarda poi la non retroattività delle future norme, che si potranno applicare quindi solo ai nuovi mutui.
NUOVI CRITERI TEMPORALI E QUANTITATIVI. Per garantire ancora meglio che non ci siano squilibri tra le parti, si dovrebbero rivedere anche i criteri per la nomina dei periti che dovranno valutare i valori degli immobili. Sulla base delle correzioni annunciate, la norma dovrebbe prevedere che, a fronte di un contratto firmato tra banca e cliente, in caso di inadempienza indicata con un tempo congruo e per un preciso ammontare di debito non onorato, la casa possa essere venduta senza passare dal tribunale, a totale estinzione del debito, anche se il bene viene venduto a una cifra inferiore. Mentre resterebbe fermo il principio secondo cui, se si dovessero verificare delle eccedenze, queste andrebbero restituite al consumatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rai, perché i maxi stipendi non sono l'unico problema

Paghe d'oro? Odiose. Ma Viale Mazzini ha anche altri sprechi. Come i 14 canali. Contro i 6 della Bbc. O la lottizzazione. Il prof Doglio: «Mammut senza identità».

prev
next