Donald e Maryanne Trump, fratelli agli antipodi

Lui eccessivo ed estremo. Lei moderata e schiva. La sorella del candidato presidente è il suo opposto.

08 Marzo 2016

Donald Trump con la sorella Maryanne.

(© GettyImages) Donald Trump con la sorella Maryanne.

Ai poli opposti. Donald Trump e la sorella Maryanne parlano due lingue diverse. Lui è estremo, politicamente scorretto, sopra le righe. Lei moderata ed equilibrata come il suo ruolo richiede.
Maryanne Trump Barry, 78 anni, sorella maggiore dell'aspirante candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti, è giudice federale di tutto rispetto, scelta per la poltrona di United States District Court for the District of New Jersey nel 1983 da Ronald Reagan e nominata nel 1999 da Bill Clinton alla United States Court of Appeals for the Third Circuit.
UN'ACCONCIATURA VISTOSA. Sposata due volte, vedova del secondo marito e con un figlio psicologo nato dal primo matrimonio, il giudice Barry appare come una figura materna che non passa inosservata per un'acconciatura che alcuni reporter hanno definito 'architettonica'.
La capigliatura 'stravagante' è forse l'unico tratto che l'accomuna al fratello. Ma Maryanne è molto più schiva e riservata.
Durante le rare occasioni di discorsi pubblici, a differenza del fratello, pesa le parole con attenzione e raramente si vanta dei successi della sua carriera (primo assistente procuratore donna del suo ufficio).
PARLA PIÙ DELLE PERDITE CHE DELLE VITTORIE. Come sottolinea il Washington Post, inoltre, a differenza di Trump, ossessionato dal successo come businessman, la signora Barry preferisce parlare non delle vittorie, bensì delle paure e delle perdite cha ha dovuto superare nella vita, in particolare quando perse sia il marito che i genitori nell'arco di tempo di un anno.
«La fede e i gesuiti», disse durante un discorso pubblico, «letteralmente mi hanno salvato la vita». Barry, tuttavia è forte nei suoi principi al punto che tempo fa Ted Cruz, sfidante repubblicano di Trump, le definì una 'estremista radicale pro-abortista'. «Il tipo di giudice che Donald Trump metterebbe alla Corte Suprema se ne avesse l'opportunità», disse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Jeremy Corbyn.
Brexit, il Labour tra caso Corbyn e …

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next