I grillini in parlamento terrorizzano la Casta

A Montecitorio stop ad ascensori riservati e code agevolate.

27 Febbraio 2013

Beppe Grillo.

(© imagoeconomica) Beppe Grillo.

Il parlamento si accinge a fare i conti con il terremoto scatenato dall'ingresso nei palazzi dell'esercito dei grillini.
È la Casta a temere più di tutti l'onda d'urto provocata dai 163 neoeletti del Movimento 5 stelle, 108 alla Camera, 54 a Palazzo Madama, più uno proveniente dall'estero.
VIA LE TARGHETTE. A Montecitorio sono state già staccate dagli ascensori tutte le targhette con su scritto «riservato agli onorevoli parlamentari» ed è stata rimossa quella che nell'ufficio postale garantiva la precedenza ai deputati in caso di fila.
Anche la buvette sarebbe al centro di un vero e proprio progetto di restyling: si mormora che possano essere fatte fuori le scaffalature che ora mettono in bella mostra scatole di cioccolatini, fiori e qualche scultura.
SAUNE A RISCHIO CHIUSURA. Rischiano di restare definitivamente chiusi i celebri 'bagni', locali con sauna e cyclette, già dismessi un paio di mesi fa in seguito a un filmato-denuncia di un parlamentare che ne rendeva pubblica l'esistenza.
C'è curiosità, poi, intorno alla disposizione dei nuovi spazi da destinare agli uffici del Movimento 5 stelle.
È probabile che il nuovo gruppo possa, alla fine, insediarsi nei locali che ospitavano l'Italia dei valori, rimasta fuori dal parlamento.
AL CENTRO DELL'EMICICLO. Per quanto riguarda il loro posto in Aula, si starebbe pensando di collocarli nello spicchio centrale dell'emiciclo, ma questo lo si deciderà con certezza soltanto una volta eletti i questori. La scelta di come occupare gli scranni è, infatti, compito loro, d'intesa con l'ufficio di presidenza.
TIMORE PER LA PRESIDENZA DEL COPASIR. La vera preoccupazione del Partito democratico e del Popolo della libertà riguarda, tuttavia, la presidenza degli organismi cosiddetti di garanzia, (cioè le giunte per le Autorizzazioni e delle Elezioni alla Camera; quella delle Elezioni/Immunità al Senato; la Vigilanza Rai; il Copasir) che, per prassi o per legge, dal 1996, è stata affidata all'opposizione.
Quello per cui si teme di più è il Copasir, il Comitato di controllo sui Servizi segreti. Dal 2007 al vertice dell'organismo parlamentare siede per legge (e non più solo per prassi) un rappresentante dell'opposizione. E l'idea di affidare al M5S il controllo dei 'segreti' della Repubblica non sembra far dormire sogni tranquilli ai più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

fasanobi 03/mar/2013 | 23 :44

Grillo, vogliamo un Governo!
Grillo che fa?-
Grillo che dice?-
Parla per noi:-
ce lo ridice.-
Ciò che la gente,-
pensa da mesi,-
lui lo scandisce,-
senza fraintesi.-
Bello ascoltarlo,-
solo parlare,-
ma oltre il parlare,-
sa poi che fare?-
Ce lo ripete,-
ce lo ridice:-
fuori i politici,-
no larghe intese.-
Si torna al voto?-
Soldi a palate,-
tasse salate,-
mai rilassate-
sì Grillo parla,-
sì Grillo dice,-
ma spera un voto,-
già lo predice,-
dopo un bel flop-
elettorale,-
che tutti tornino-
di nuovo a votare.-
Tornino al voto,-
votino lui,-
che sa parlare,-
parlare,-
parlare.-
Ma parla bene:-
parla per noi.-
Riconosciamo-
i nostri guai.-
Lui li conosce:-
li toglierà,-
quando dei voti-
avrà la metà.-
+ 1.-
BiFasano


stefanoart 01/mar/2013 | 19 :53

Spero vivamente negli organismi di controllo del M5S per fare pulizia negli apparati di sicurezza.
Spero vivamente negli organismi di controllo dei cittadini deputati del M5S per fare pulizia negli apparati di sicurezza.

Viviamo nel paese delle mezze verità, delle stragi impunite, un paese arretrato, il dipartimento dell’intelligence continua a rimanere luogo di oscure manovre della politica, di servizi deviati, di cospirazioni, depistaggi, di suggeritori occulti nelle trattative fra Stato e mafia.....

Dopo i fatti del G8, l'abuso di autorità, in Italia i diritti civili vacillano, la legge non è più uguale per tutti, allora il respiro della libertà, si fa pesante....

Ricordo l’articolo su "La Repubblica" di Mimmo Franziello del 10 gennaio 2009, rivelò un terribile retroscena: i “Servizi” hanno controllato Fabrizio De Andrè per oltre 10 anni!!!!!

Più che su De André, questi rapporti segnaletici ci fanno capire la mentalità dei loro estensori: inadeguati sul piano professionale, disponibili a dare ombra a fantasmi, secondo i desideri dei loro superiori, in un pauroso deficit di cultura democratica.

nonfacciamocigabbare 01/mar/2013 | 18 :38

facciamogli vedere
e non scendiamo a compromessi andiamo dritti sull'obbiettivo

mal 01/mar/2013 | 09 :21

Non ci sono dubbi che se ci sarà un accordo tra Pd e M5s, sarà un fallimento di una generazione
Che ha sperato e confidato in un futuro migliore per la gente onesta che c'è ancora in Italia.

eaman 28/feb/2013 | 20 :10

Fantastico
Superato il trappolone del PD che cerca di far cadere sul m5s la responsabilita' dell'inciucio PD-PDL se ne vedranno delle belle. Immaginate: questi saranno dentro tutte le commissioni, ed essendo il primo partito con posizioni spesso determinanti (questo per legge). Decenni di intrallazzi e privilegi improvvisamente di fronte a 150 ragazzi con i cellulari con la videocamera! Non vedo l'ora!

giovanni carraro 28/feb/2013 | 18 :42

finalmente
é arrivato il controllore. Era ora

ferdinando 28/feb/2013 | 14 :25

Cari ragazzi, ascoltate Grillo e non fatevi prendere dai timori.....si è aperta una partita difficile, Bersani da uomo dell'apparato, sta cercando disperatamente di scaricare la sua crisi sul movimento, colpevole, secondo la nomenclatura, del PD dell'ingovernabilità.....Non è così.....e se il PD vuole, dopo la batosta, seriamente proporsi per il cambiamento, deve Lui, fare le proposte che il movimento condivide, fare e attuare le proposte.....Se pensa di trovare dei coglioni che, per dovere di patria, si tappano il naso e votano la maggioranza, magari con promesse di facili parole, non ha capito niente......L'Italia affonda, e non per Grillo, ma per la sporcizia accumulata da questi politici in tutti questi anni.....; per risollevarsi ci vuole un cambiamento radicale, che non sarà indolore.....ma è necessario. il Movimento 5 Stelle è espressione di questa volontà di cambiamento. Mettersi a rincorrere Bersani con i metodi della vacchia politica sarebbe suicida per tutti noi. Che eliminino i rimborsi elettorali, che si eliminino le provincie, che si riveda la legge Biagi, che si dia dignità ai Cittadini, che si smantelli l'incredibile apparato di società e municipalizzate che non hanno portato nulla di buono ai cittadini e sono solo i tentacoli di una piovrà che si chiama Castà.

frenk 28/feb/2013 | 11 :44

Non ci sono dubbi che se non ci sarà un accordo tra Pd e M5s, sarà un fallimento di una generazione
Che ha sperato e confidato in un futuro migliore per la gente onesta che c'è ancora in Italia.

new zealand 28/feb/2013 | 10 :19

primo banco di prova: i rimborsi elettorali
che ogni partito si esprima a riguardo. Ma non su quelli prossimi venturi, tipo faremo una legge, una commissione d'alemiana e prese in giro del genere. Su questi rimborsi elettorali, di questa elezione nazionale e regionale!!!

Martello 28/feb/2013 | 08 :49

Se il buon giorno si vede dal mattino........

perugino 28/feb/2013 | 08 :47

puntare allo sfascio è imperdonabile
Contro i vergognosi privilegi medioevali delle tante Caste del Bel Paese, da anni vado urlando e scrivendo tutto il mio sdegno. Così come non mi sono tirato indietro come cittadino, nella lotta contro i boiardi di Stato, o manager privati, che con il loro agire hanno affondato un’intera economia senza peraltro pagare nulla. Ora dopo l’esito elettorale, ci sono le possibilità concrete che certe prepotenze comincino davvero a finire. Sarebbe davvero infantile da parte del Movimento 5 Stelle, sprecare un’occasione come questa, in nome di un estremismo, che a mio avviso servirebbe solamente a mascherare la voglia di non assumersi le responsabilità del governo del cambiamento. A partire per esempio dalla cancellazione della criminogena riforma delle pensioni voluta dal governo Monti. Una riforma che ha creato le basi per una disperazione di massa, da qui a poco tempo. Il riordino andava fatto certamente, ma a partire dalle vergognose pensioni milionarie. Partendo dall’affermazione di un principio semplice: la pensione affiancata da un grande stato sociale, deve servire a vivere l’ultima fase della vita di ognuno di noi, con quanta più dignità e serenità possibile. Se questo deve essere, allora tutte le pensioni vanno riportate dentro una forbice che varia tra mille e cinquemila euro. E soprattutto una sola pensione, non una miriade come sono quelle di cui godono gli ex parlamentari. L’Italia ha bisogno di essere ricostruita, stiamo vivendo la stessa situazione di come quando è uscita dalla seconda guerra mondiale. Una rinascita che deve vedere una nuova moralità pubblica, un nuovo modello di sviluppo che non sia più basato sul consumo esasperato, su un liberismo finanziario, che ha fatto arricchire pochi e impoverito tutti. Questa la sfida che sta davanti al PD e al Movimento 5 Stelle. Difficile certo, ma entusiasmante. Sprecare l’occasione, puntare all’ingovernabilità al tanto peggio, sarebbe davvero imperdonabile.
Casaioli Renato

francesco63 28/feb/2013 | 08 :15

SOLO UN RICORDO
Buongiorno a tutti, viene da sorridere il fatto che Berlusconi dice "serve governabilita!". Ragazzi, è uno che si è dimesso con il circa il 60 % dei seggi!!!!!!!!!!
Una cosa sola non devono fare ne Grillo ne Bersani: allearsi con Berlusconi. Dovranno chiaramente affrontare campagne denigratorie sui media di Berlusconi, ma sarebbe peggio per ognuno di loro un'alleanza con il PdL (non ricordo se significa partito dei ladri o altro.., scusate il vuoto di memoria): tradirebbero veramente i loro elettori.
Una cosa che mi piacerebbe che PD e M5S dicesse chiaramente alla destra è questa: forse il PdL non si rende conto ma M5S e PD sono il primo e il secondo partito d'Italia, oltretutto con molte convergenze in molti settori fondamentali ( meglio di così).Un'ultima esortazione: fate tutto quello che potete (anche assieme) prima che sia tardi.

giulezio 28/feb/2013 | 05 :16

...l'UTOPIA diventa gradualmente REALTA'...il SOGNO di chi ci CREDEVA si AVVERERA'...scrivo ...ma mi vengono le LACRIME agli OCCHI...non ci posso PENSARE...che...FINALMENTE!..."PAREGGEREMO i CONTI con questi LADRI ,CORROTTI LAUTAMENTE IPERPAGATI DISONOREVOLI ...dai COMPORTAMENTI "TOTALMENTE" DISDICEVOLI...

mal 28/feb/2013 | 00 :27

povero bersani
con tutto quello che deve soffrire non potrà nemmeno più rilassarsi nella sauna... ma a proposito, perchè loro sono 10 anni che sono lì e la storia della sauna è venuta fuori in quel modo?

youknow 27/feb/2013 | 22 :27

VALE!
Come dicevano i latini!!! Finalmente abbiamo qualcosa di serio che sta iniziando a cambiare l'aria appestata da decenni di parassitismo!

Napolitano che sgambetta il rientro a "casa" perché scopre all'estero di essere rimasto nel casino... heh heh, non c'è che dire... avranno da grattarsene molte, ma in primis si comincia a fare sul serio e con democrazia!

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Aldrovandi, dopo 11 anni questa Italia è …

Il 25 settembre 2005 Federico fu ucciso dalla polizia. I casi Emmanuel e Tiziana dimostrano che oggi si parteggia comunque per gli aguzzini. E contro le vittime.

prev
next