ATTACCO

Il leghista Boso: «Felice se i barconi affondano»

«Papa a Lampedusa? E chi se ne frega».

09 Luglio 2013

Non si può certo dire che le parole di papa Francesco, pronunciate nel corso della visita a Lampedusa, abbiano fatto breccia nel cuore di tutti.
Specialmente, in quelli della Lega e di alcuni suoi esponenti, non esattamente teneri nei confronti dei migranti che continuano a sbarcare nell'isola siciliana.
«Sì, sono contento se affonda un barcone», ha  orgogliosamente rimarcato il leghista Erminio Boso ai microfoni de La Zanzara, «perché pagano le persone che giocano sulla pelle della gente».
«IL PAPA ? CHI SE NE FREGA». E ancora: «Non me ne frega niente di quello che ha fatto il papa. Anzi, chiedo a lui soldi e terreni per mettere dentro gli extracomunitari che vengono».
«DIFENDO LA MIA TERRA». Boso, poi, se l'è presa pure con i giornalisti: «Non sono ipocrita come tutti, soprattutto i giornalisti», ha spiegato, «io difendo la mia famiglia e la mia terra. Voi permettete la violenza in casa da parte di questa gente. Vendete la carne umana per l'audience, cavalcate con ipocrisia tutte le disgrazie delle persone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paola Fognani 10/lug/2013 | 09 :45

a boso (la minuscola è intenzionale)
Specie, per fortuna, in via d'estinzione. Di simili escrementi ne possiamo fare benissimo a meno!!

Gigi76 10/lug/2013 | 09 :03

un detto napoletano....
gli uccelli si accoppiano in cielo e gli stronzi in terra.....

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. DRAMMA Naufragio, i superstiti a Catania: «C'è stata una collisione» 2. SCONTRO Italicum, Aventino delle opposizioni contro Renzi 3. ESTERI Egitto, Morsi condannato: 20 anni di carcere 4. BLITZ Potenza, arrestato prete pedofilo: adescava minori su internet 5. TERRORISMO L'Isis è stato creato da un fedelissimo di Saddam
Dalla nostra HomePage
Maria Elena Boschi e Matteo Renzi.RIFORMA
Italicum, i 6 punti del braccio di ferro tra Renzi e il Pd

Verso l'Aventino in commissione. Il rischio Vietnam. L'asse Bersani-Brunetta. Renzi è atteso da una battaglia sulla legge elettorale. Con l'incognita Mattarella.

prev
next