Inps, Tiraboschi: «Renzi interpreta male i dati sul lavoro»

Il giuslavorista a L43: «I contratti a tempo indeterminato in più, nel 2015, sono solo 114 mila». Ma il premier conta anche le trasformazioni. E la decontribuzione non ha favorito i giovani.

di

|

19 Gennaio 2016

Squillino le trombe: l'Inps ha pubblicato il nuovo report sui movimenti dei rapporti di lavoro, come fa ormai ogni mese da maggio del 2015.
E subito le agenzie di stampa rilanciano il tweet del presidente del Consiglio: «Oltre mezzo milione di posti di lavoro a tempo indeterminato in più nel 2015. Inps dimostra assurdità polemiche su Jobsact».

La domanda, dopo i pasticci estivi del dicastero del Lavoro e le scuse del ministro Poletti per quella tabella sballata secondo cui i nuovi occupati, tra gennaio e luglio del 2015, sarebbero stati più di 630 mila - ridotti poi alla metà - sorge spontanea: sarà vero?
Lettera43.it lo ha chiesto a Michele Tiraboschi, ordinario di diritto del lavoro e direttore del Centro studi 'Marco Biagi' dell’Università di Modena e Reggio Emilia, coordinatore del comitato scientifico di Adapt.
L'interpretazione dei dati fornita dal premier, spiega il professore, «non è corretta». Perché il numero di contratti, oggetto della rilevazione Inps, «non coincide per forza con il numero di posti di lavoro».
 

  • Michele Tiraboschi (Imagoeconomica).

 

DOMANDA. In cosa consiste l'errore di Renzi?
RISPOSTA.
I dati che servono per comprendere l'aumento o la diminuzione dei posti di lavoro non sono quelli diffusi dall'Inps, sono quelli diffusi dall'Istat. E offrono numeri ben diversi: poco più di 100 mila nuovi occupati a tempo indeterminato nel 2015.
D. A fronte dell'«oltre mezzo milione» citato dal premier. Come si spiega la differenza?
R. È chiaro che nel numero citato dal presidente del Consiglio sono incluse anche le 388 mila trasformazioni da contratti a termine e le 80 mila da apprendistato.
D. Ma cosa misura esattamente l'Osservatorio sul precariato dell'Inps?
R.
I movimenti dei rapporti di lavoro. Mentre l'Istat indica il numero di persone che in un determinato momento dichiarano di essere occupate, disoccupate o inattive, l'Inps ci informa sui contratti di lavoro, cioè sul numero di contratti cessati o attivati nel lasso di tempo preso in considerazione.
D. Perché le due grandezze non coincidono?
R. L'Inps stesso lo precisa nelle note del rapporto: in un certo arco di tempo, un lavoratore potrebbe firmare più contratti di lavoro. Il che porta ad un numero di contratti sottoscritti maggiore del numero effettivo di nuovi posti di lavoro.
D. Potrebbe fare un esempio?
R. Un lavoratore interinale tramite agenzia firma anche 15 o 20 contratti ogni anno, ma il posto di lavoro e la persona sono sempre gli stessi. Lo stesso vale per molti lavoratori a termine, impiegati con contratti mensili.
D. Ma almeno è corretto parlare di boom dei contratti di lavoro a tempo indeterminato?
R.
I dati del 2015 ci dicono che il boom dei contratti a tempo indeterminato non c'è stato, se è vero che i contratti in più, tolte le trasformazioni, sono circa 114 mila.
D. Da dove deriva il numero sui contratti in più?
R.
È sufficiente prendere la tabella n.3 dell'ultimo rapporto Inps. Il dato netto relativo ai rapporti di lavoro a tempo indeterminato è di 584.163 unità. Se a questo numero vengono sottratte le trasformazioni di rapporti a termine (388.454) e le trasformazioni degli apprendistati (80.897), si arriva per l'esattezza a 114.812 contratti in più.
D. Analizzando i dati nel dettaglio, su 1.252.176 nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato nel 2015, 1.159.000 risultano aver goduto dell'esonero contributivo. Si tratta di una bolla destinata a esplodere in futuro?
R.
Non possiamo saperlo al momento. A partire dai dati del 2016, anno in cui l'esonero contributivo sarà cospicuamente ridotto, potremo capire se e quanto il mercato del lavoro sia stato effettivamente 'drogato' o meno. Il punto vero qui è un altro.
D. Quale?
R.
Siamo sicuri che il lavoro del futuro, spesso già presente, sia a tempo indeterminato? Molti dei lavori oggi hanno cicli di vita molto più brevi, sia per il ciclo di vita dei prodotti stessi, sia per le esigenze di vita dei lavoratori, che intendono continuare a formarsi e aggiornarsi professionalmente. Molti studi ci dicono che il vero aspetto su cui puntare non è la durata del contratto, ma la costruzione di un sistema di politiche attive che accompagni il lavoratore nei periodi di transizione.
D. Gli esoneri, del resto, hanno un costo per la collettività. Secondo i calcoli della Uil: 1,8 miliardi nel 2015, oltre 3,7 nel 2016, 3,9 nel 2017 e 2,1 nel 2018. Cosa succederà sul mercato del lavoro, al calare dell'effetto della decontribuzione?
R. L'obiettivo del governo è quello di incentivare l'assunzione a tempo indeterminato con una grande decontribuzione per i primi tre anni, per rendere 'normale' questo tipo di contratto, ossia per renderlo la modalità principale di assunzione. Il boom di contratti a tempo indeterminato, però, come detto non c'è stato. È quindi difficile immaginare che, una volta tolti o ridotti gli incentivi, questo sistema possa diventare strutturale.
D. I voucher, invece, registrano un'impennata. Sono cresciuti del 67,5% rispetto al 2014, con picchi del 97,4% in più in Sicilia, 85,6% in Liguria e 83% in Abruzzo e Puglia. Come si giustifica questo fenomeno?
R. Il rischio è che le forme di lavoro eliminate dal Jobs act, come il lavoro a progetto, siano oggi state riassorbite in parte dall'utilizzo dei voucher. Questo proprio perché tanti lavori oggi non riescono ad essere rappresentati dal contratto a tempo indeterminato. Il rischio ulteriore, però, è che vengano utilizzati i voucher anche per lavori per i quali non erano stati pensati, e per i quali le forme contrattuali cancellate erano più opportune.
D. Sia per i maschi, sia per le femmine, la classe d'età 30-39 anni è quella che nel 2015 ha visto più assunzioni a tempo indeterminato. La stabilità nel mercato del lavoro si collega ad un'anzianità crescente?
R.
Essendo alto il numero di trasformazioni da contratti a termine a contratti a tempo indeterminato, ne hanno beneficiato soprattutto coloro che avevano già un rapporto lavorativo in corso da diversi anni, e quindi più avanti con l'età. Allo stesso modo, le imprese che hanno assunto direttamente con contratto a tempo indeterminato hanno privilegiato lavoratori con un'esperienza maggiore. Questo conferma il fatto che la decontribuzione non ha favorito i giovani.

 

Twitter @davidegangale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Canoi 20/gen/2016 | 10 :24

L'articolo evidenzia una delle tante balle che racconta Renzi.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Amatrice città fantasma, non è rimasto …

Nuove scosse e cedimenti. Vie d'accesso chiuse. Amatrice è sempre più isolata. Il sindaco: «Bisogna radere tutto al suolo». E i morti continuano a salire. Foto.

prev
next