Legge elettorale, Berlusconi apre al M5s

Il Cav: «Proporzionale con preferenze? Interessante e da approfondire».

23 Settembre 2016

Silvio Berlusconi.

(© Ansa) Silvio Berlusconi.

Il proporzionale alla spagnola, con le circoscrizioni elettorali di dimensioni ridotte disegnate per limitare l'influenza dei partiti minori, piace anche a Silvio Berlusconi.
Il leader di Forza Italia, davanti al Comitato di presidenza del partito, ha teso la mano al Movimento 5 stelle, aspettando una stretta che avrebbe qualcosa di storico.
UN ASSE IMPOSSIBILE? Perché un asse tra il Cav e i grillini, anche se solo in un'ottica anti-Italicum, è sempre stato qualcosa di impensabile.
«Giudico interessante, comunque da approfondire, la proposta dei Cinque stelle sul proporzionale e le preferenze», ha detto Berlusconi.
E allora anche Matteo Renzi potrebbe cedere. D'altra parte è lo stesso premier a ripetere in continuazione di esser pronto a fare un passo indietro sulla legge elettorale nel caso si trovasse una maggioranza in parlamento intorno a una proposta alternativa.
POSSIBILE OK DA AP E MINORANZA DEM. E l'idea dei 5 Stelle, oltre a quelli di Forza Italia, potrebbe incontrare i consensi anche della minoranza dem e di Area popolare.
Intanto, però, Berlusconi non ha intenzione di affrettare i tempi: ogni decisione è rinviata a dopo il referendum costituzionale, che il Consiglio dei ministri del 26 settembre dovrebbe fissare per il 27 novembre o per il 4 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next