Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Venerdì, 25 Luglio 2014- 10.57

Politica 

Lombardia, primarie Pd: spunta la Kustermann

La ginecologa: «Mi candido per la società civile e per la legalità».

VERSO IL VOTO

Alessandra Kustermann, direttrice dell'unità di ginecologia del pronto soccorso della clinica Mangiagalli di Milano, dopo un primo momento di stallo, ha presentato la sua candidatura alle primarie del centrosinistra per la presidenza della regione Lombardia. «
Per ora Umberto Ambrosoli ha detto che non si candiderà. Ma se dirà di sì, ritengo che le primarie vadano fatte lo stesso. Queste elezioni», ha spiegato, «sono un buon metodo per coinvolgere i cittadini, sono un metodo democratico».
«PATTO CIVICO TRA I PARTITI». «La mia è una candidatura della società civile, nell'ambito del centrosinistra. I miei valori sono legalità, trasparenza, solidarietà, equità, meritocrazia e difesa dell'ambiente. E con la mia candidatura», ha continuato Kustermann, «mi rivolgo a tutti i moderati lombardi che condividono i miei valori». 
«Anche se sono iscritta al Pd e ai partiti da cui è derivato dal 1975», ha precisato, «e sono proprio i partiti che devono fare un patto civico, sullo stesso piano con la società civile, senza arroganza». 
LA DECISIONE DOPO IL CASO ZAMBETTI. La scelta di candidarsi è stata presa di getto, anche se dallo scorso marzo «molte persone mi avevano chiesto di scendere in campo. La goccia che ha fatto traboccare il vaso», ha raccontato, «è stato l'aver parlato con l'ex assessore Domenico Zambetti e scoprire poco dopo che era accusato di aver comprato i voti tramite la 'ndrangheta. Non avevo più la certezza che ci fosse qualcuno pulito nella giunta lombarda. Da qui la decisione di candidarmi». 
SOSTENITORI BIPARTISAN. E a sostenere la sua candidatura hanno risposto, in poche ore dal lancio dell'appello, oltre mille persone. «Si tratta di persone laiche e cattoliche», ha continuato Kustermann, «medici, avvocati, imprenditori, artigiani, tutti della società civile, di cui anche diverse non iscritte al Pd». 
Tra i firmatari figurano Bice e Carla Biagi, Isabella Bossi Fedrigotti, Nando Dalla Chiesa, Carlo Dall'Aringa, Caterina Sarfatti, Silvia Vegetti Finzi.

Martedì, 06 Novembre 2012 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia
Barletta, Andria e Trani - Tranilive.it “Pinuccio il Faccendiere” racconterà la Provincia Bat