Lotti sbaglia la data della Seconda guerra

Il sottosegretario scrive che nel '46 il conflitto mondiale non era ancora finito. Poi online la redazione ci mette una pezza.

10 Marzo 2016

Luca Lotti e Maria Elena Boschi del Pd.

(© Ansa) Luca Lotti e Maria Elena Boschi del Pd.

Giallo a L'Unità diretta da Erasmo D'Angelis.
Sul numero del 10 marzo, in prima pagina, sulla destra compare in bella vista un articolo di Luca Lotti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio nonché esponente di spicco del Giglio Magico di Matteo Renzi, oltre che titolare della delega all'editoria e all'informazione. Ma la versione cartacea è diversa da quella online.
Il titolo del pezzo è a effetto: Le donne che fecero l'Italia. La prosa è scorrevole. «Oggi è un giorno speciale per il nostro Paese. Esattamente settant'anni fa, alle elezioni amministrative, per la prima volta si affermò in Italia la conquista da parte delle donne, dell'elettorato attivo e passivo, quale fondamento dello Stato democratico. L'Italia non era ancora una Repubblica. Il paese era devastato dalla guerra e trafitto, straziato da mille conflitti. La seconda guerra mondiale non era ancora finita».
Il riferimento della giornata è al 10 marzo del 1946. Ma c'è qualcosa che stona, perché la Seconda guerra mondiale era terminata da un anno almeno, nel 1945, tra aprile e maggio secondo gli storici. Qualcuno se ne accorge. 
SOFIA VENTURA: DIANO UN'OCCHIATA A WIKIPEDIA. Sofia Ventura, giornalista, lo fa notare a Lotti sia su twitter sia su Facebook. «Quando un sottosegretario alla presidenza, Luca Lotti, parlando delle prime elezioni comunali in Italia, cominciate il 10 marzo 1946, scrive -suo intervento sull'Unità - che all'epoca la Seconda guerra mondiale non era ancora finita, che ci resta da fare? Ridere? Piangere? Rassegnarci? Ah, scrive che stanno organizzando l'anniversario dei 70 anni della Repubblica: speriamo diano almeno un'occhiata a Wikipedia». Passano un paio d'ore e il pezzo di Lotti compare anche online, ma questa volta la parte sulla seconda guerra mondiale è scomparsa. Casualità? O forse qualcuno dovrebbe davvero rileggersi Wikipedia? La toppa, al solito, è stata peggio del buco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Isis, l'evoluzione della propaganda anti-Turchia

Nel 2016 sono tre gli attentati attribuiti da Ankara al Califfato. Che però nega. Pur definendo Erdogan un «apostata». E paragonando Istanbul al Vaticano.

prev
next