Melandri, dal Maxxi arriva lo stipendio

Da ottobre la Melandri non lavora più gratis come aveva promesso.

27 Luglio 2013

Giovanna Melandri, presidente del Maxxi.

(© ImagoEconomica) Giovanna Melandri, presidente del Maxxi.

Gratis, sì, ma a tempo determinato. Quando nell'ottobre del 2012 fu nominata presidente del Maxxi di Roma, Giovanna Melandri decise di mettere fine alle polemiche annunciando a tutti che non avrebbe percepito alcun compenso.
Mercoledì 24 luglio, però, il consiglio d'amministrazione è stato convocato: «Ordine del giorno: compenso del presidente».
A darne notizia è stato il sito del Corriere della sera.
ACCUSATA DI RICICLARSI. Lei, da cinque legislature in parlamento con il centrosinistra, e impossibilitata a candidarsi nuovamente per il limite dei 15 anni nel frattempo posto dal Partito democratico, venne scelta dall'allora ministro della Cultura Lorenzo Ornaghi per rilanciare la fondazione.
Una fondazione, appunto, ragion per cui, per la legge Tremonti, presidente e consiglieri d'amministrazione non avrebbero dovuto percepire alcun compenso.
Giovanna Melandri disse subito che per lei la legge era sbagliata, ma accettò. Quello che lei sapeva, ma in un primo momento non disse, è che era già stata avviata la procedura per trasformare il Maxxi da fondazione a ente di ricerca.
Rimosso l'ostacolo legale, dunque, l'ex ministro dei Beni e delle attività culturali è pronta a prendere il suo stipendio.
LA RETTIFICA SEI MESI DOPO LA NOMINA. D'altra parte, sei mesi dopo la nomina e la promessa di regalare la propria professionalità a costo zero, aveva precisato che l'avrebbe fatto solo «per un anno».
«Lo prenderò da settembre-ottobre», ha spiegato a Panorama, «quando ho accettato l'incarico, sapevo che il Maxxi era una fondazione e che in base alla legge Tremonti avrei prestato la mia opera gratuitamente. Legge sbagliatissima, me lo si lasci dire, perché la cultura ha bisogno di grandi manager, e questi vanno pagati».
Messa la modestia da parte, dunque, Melandri è pronta a incassare per il proprio lavoro. Alla faccia delle promesse fatte per spegnere le polemiche sui dubbi politici intorno alla sua nomina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next