Napoli, il M5s candida l'ingegner Matteo Brambilla

Originario di Monza. Ha vinto il secondo turno delle consultazioni online tra gli iscritti: in tutto ha preso 276 voti. Cita Totò e ai napoletani dice: «Tornate qui e non scappate per la rabbia».

15 Marzo 2016

Matteo Brambilla, candidato M5s a Napoli.

Matteo Brambilla, candidato M5s a Napoli.

Il candidato del Movimento 5 stelle a Napoli di cognome fa Brambilla.
Di inconfondibili origini lombarde, per l'esattezza di Monza, Matteo Brambilla ha infatti vinto il secondo turno delle consultazioni online tra i 574 iscritti certificati partenopei, riportando il 48% delle preferenze. In termini assoluti, si tratta di 276 voti.
I risultati sono stati pubblicati sul blog di Beppe Grillo. Le altre due candidate, Francesca Menna e Stefania Verusio, hanno ottenuto rispettivamente il 33% (189 voti) e il 19% (109 voti) delle preferenze.
NAPOLETANO D'ADOZIONE. Brambilla è napoletano d'adozione ed è laureato in Ingegneria meccanica, con indirizzo energetico, al Politecnico di Milano. Molto sensibile ai temi ambientali, partecipa ai tavoli del MeetUp sui rifiuti e ha sposato una napoletana, ragion par cui si è trasferito nel capoluogo campano.
«Vivo a Napoli dal 2006 e ho subito cominciato a partecipare al MeetUp», racconta Brambilla nel suo video di presentazione, «nel 2008 mi sono schierato contro la discarica di Chiaiano e da quel momento è iniziato il mio attivismo sul territorio».
LA CITAZIONE DI TOTÒ. Nel suo video di presentazione, anche una citazione di Totò: «Ho deciso di prendere parte al progetto Napoli perché, come diceva Totò, ogni limite ha una pazienza. E la pazienza, in questi anni, nel vedere la città depredata e saccheggiata dai suoi amministratori, mi ha fatto arrivare al mio limite, che spero sia anche il vostro. Il mio mandato, se vorrete conferirmelo, sarà contraddistinto da onestà, trasparenza e rispetto delle indicazioni che mi assegnerete, come da programma scritto insieme».
LA RABBIA E L'INCANTO. Poi due parole chiave: «Due parole contraddistinguono la mia visione di Napoli. La rabbia e l'incanto. La rabbia che provo quando Napoli, quotidianamente, deve lottare per avere la sua normalità. L'incanto nel vedere le persone meravigliose e i luoghi stupendi di questa città. L'appello che faccio è questo: venite a Napoli, tornate a Napoli per godere di questa città e non scappate per la rabbia di viverci».
FICO: «PERSONA ECCEZIONALE». Roberto Fico, referente di spicco dei pentastellati campani, ha speso per lui parole incoraggianti: «È una persona eccezionale, onesta, competente. Ora tutti al lavoro con Matteo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Forte terremoto 6.0 vicino a Rieti

Violenta scossa nel Reatino. Crolli e vittime dal Lazio alle Marche (le immagini). Il sindaco di Amatrice: «Metà paese non c'è più». Si scava sotto le macerie. Live.

prev
next