INTERVISTA

Politica e internet, Luca Ricolfi: «Rischiamo la dittatura della minoranza»

Il sociologo spiega l'influenza della Rete sui partiti.

di

|

01 Marzo 2014

Una volta c’erano le sezioni dei partiti, affollate di militanti. Esistevano le relazioni dirette con i rappresentanti eletti. Oggi c’è il web che sta azzerando i contatti fisici e sta cambiando la fisionomia del confronto. Lo dimostra l'ultima polemica scoppiata in casa 5 stelle con il voto online sull'espulsione dei quattro «dissidenti».
«RAPPORTO CON LA BASE? UN TWEET». Il rapporto tra la Base elettorale e le formazioni politiche si risolve spesso e volentieri in un tweet o in un post su facebook. Un dominio di internet che incide notevolmente anche sulla democrazia interna dei partiti. «Ammesso che fosse mai esistita prima dell’avvento della Rete», puntualizza Luca Ricolfi. «La verità è che stiamo passando», spiega il sociologo a Lettera43.it, «da un’assenza di democrazia a una dittatura della minoranza».
 

  • Luca Ricolfi.


DOMANDA. In sintesi, di democrazia interna non ne esisteva prima e, a maggior ragione, non se ne scorge adesso?
RISPOSTA. I partiti ne hanno avuta sempre poca, fatta eccezione per il Pci che aveva al suo interno linee politiche chiare e distinte.
D. Neanche nel Partito democratico, dunque?
R. L’unico partito strutturato rimane il Pd, ma è semplicemente un network che consente a un certo numero di persone di godere di alcune agevolazioni. Per comprenderlo si può guardare alle primarie locali.
D. Si spieghi.
R. Intorno all’elezione dei rappresentanti di federazione c’è un enorme apparato clientelare. Segno che il partito viene vissuto come una risorsa per migliorare le proprie condizioni. Ma il discorso non cambia neppure per la Lega.
D. In che senso?
R. Siamo di fronte a una sorta di erogatore di servizi. Basta ascoltare Radio Padania e il continuo rimando alle opportunità offerte ai militanti per accorgersene. In sintesi, nei partiti non c’è discussione, bensì una rete di relazioni.
D. E con l’avvento del web cosa è accaduto?
R. Stiamo passando dall’assenza di democrazia interna a una para dittatura della minoranza. Come dimostrano le ultime consultazioni del M5s. A fronte di una Base di circa 8 milioni di elettori, infatti, l’espulsione dei quattro senatori del Movimento è stata decisa da 40 mila votanti. Non che nel Pd le cose vadano diversamente.
D. Cosa vuole dire?
R. Anche chi manda un tweet a Pippo Civati, per esempio, non comanda, ma influenza. Ciò significa che la politica, in generale, riceve segnali dalla società in maniera molto selettiva.
D. È un passo indietro?
R. Mi limito a una constatazione: la Rete ha reso più potenti le minoranze politicamente impegnate all’interno dei partiti che, però, non sono rappresentative dell’elettorato.
D. Per quale ragione?
R. Perché tali minoranze hanno spesso caratteristiche estremistiche e di faziosità che non appartengono all’elettore normale.
D. Insomma boccia il binomio politica-web...
R. Dico solo che il web peggiora la condizione dei partiti che già non era idilliaca: da luogo in cui comandava l’oligarchia stanno diventando posti in cui arrivano dei semplici segnali virtuali. E questo fa prevalere un meccanismo distorsivo e antidemocratico.
D. Quali altre conseguenze ha portato la Rete nella vita delle formazioni politiche?
R. Assistiamo senza dubbio alla scomparsa delle relazioni dirette. Anche se questo è un fenomeno generale che riguarda l’intera società.
D. Le ore in sezione e le discussioni animate stanno per essere superate?
R. La virtualizzazione delle relazioni è un dato di fatto. D’altronde la maggior parte dei parlamentari eletti del M5s si sono conosciuti a Roma dopo le elezioni. Un po’ come se anche i Mille di Garibaldi si fossero ritrovati insieme all’improvviso. Ma la conseguenza più incredibile di questa predominanza del web è un’altra.
D. Quale?
R. Il tradimento dell’elettorato normale, soprattutto per partiti come il Pd e il M5s, dove è più marcata la tendenza a lasciarsi influenzare dalla Rete. Non tanto per Forza Italia che la linea politica l’ha decisa sempre da sé, senza lasciarsi condizionare dagli influencer.
D. La democrazia interna, insomma, è un miraggio?
R. La vera democrazia, paradossalmente, si compie quando la linea politica non tiene conto dei propri militanti, ma di chi non ha voce. Una mediazione che, oggi, diventa ancora più difficile che in passato proprio perché la Rete è molto più estremista e ignorante.
D. Ignorante?
R. Sì, nel senso che riceve solo le informazioni che vuole acquisire.
D. Dunque la pretesa di democrazia 2.0 del M5s è un abbaglio?
R. L’aspetto fondamentale del grillismo è quello che il buon Marx avrebbe chiamato il feticismo della Rete. Ma si tratta di un feticcio che Grillo sposa con lingua biforcuta.
D. Cioè?
R. Un po’ lo accetta e un po’ lo pilota. Siamo di fronte a una diarchia: da un lato c’è il totem del web e dall’altro c’è il comico ligure. La cosa più grave, tuttavia, è che nel M5s il peso della Rete sia addirittura teorizzato.
D. In conclusione, da parte dei partiti c’è un impiego sbagliato del web?
R. C’è un utilizzo diverso. Nel M5s, per esempio, si nota una certa coerenza nella mitizzazione del popolo che diventa mitizzazione della Rete. Alla fine, però, si finisce col confondere il mezzo col messaggio.
D. E nel Pd?
R. Qui c’è un’ingenuità di fondo: buona parte dei parlamentari democratici non si rende conto che i militanti non sono rappresentativi della propria Base. Ed ecco che l’influenza del web si può spiegare con ragioni elettorali. Un discorso che non vale, invece, per partiti di centro destra come Forza Italia.
D. Per quale motivo?
R. In questo caso il meccanismo di condizionamento della Rete non c’è ma perché si tratta di un partito padronale in cui non conta il rapporto con l’elettore ma con l’establishment.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

adl 01/mar/2014 | 18:22

INTERESSANTE DIALETTICA RICOLFI/CANOI
Direi che c'è del giusto nelle tesi di entrambi.
E' innegabile che nel caso specifico del M5S, una "minoranza", pari allo 0.35% degli elettori ha deciso, come ho scritto di recente su un precedente commento, sulla espulsione vanificando la scelta elettorale del 100% di elettori. Ne aveva il diritto ed i poteri sulla base di un NON STATUTO ??? Ne dubito fortemente. La statistica ci insegna che il campione statisticamente rappresentativo di un universo, deve essere scelto con criteri scientifici che sicuramente il blog di GRILLO non ha.
L'aspetto paradossale nel caso specifico del M5S, è CHE SICURAMENTE GLI ESPULSI HANNO PRESO PIU' VOTI PERSONALI NELLA ESPULSIONE CHE NELLA ELEZIONE A PARLAMENTARI. Sulla qualcosa c'è materia di riflessione per gli studiosi e per gli addetti ai lavori.
Innegabile è anche che come giustamente afferma Canoi, non è corretto dire che il Web sottrae partecipazione alla dialettica elettori - politici, perché anche scrivere questi commenti è sicuramente un modo di partecipare che prima, senza lo strumento rete non esisteva. Bisognerebbe comunque riflettere sull'aspetto che non tutti gli elettori utilizzano il Web, e sicuramente questa fetta di elettori non ha alcun modo per urlare il proprio dissenso, se non quando si vota o si non vota.

Cefa79 01/mar/2014 | 15:57

Invece, penso sia così
Ero a letto per una gamba rotta da incidente (dico questo perchè il mio tempo di solito lo dedico al lavoro), durante il periodo elettorale del 2013, ho seguito in maniera costante e minuto per minuto (non avevo altro da fare e poi mi appassionò...) tutta la vicenda delle elezioni del Presidente della Repubblica e tutta la questione Bersani, Grillini, Pd, Marini, Prodi, ecc ecc, ecc.
Dopo la riunione del PD in cui fu scelto di votare Prodi, nelle ore a seguire (persino durante la notte...! ) e soprattutto nella mattinata dopo in cui si svolgevano le votazioni in parlamento non riuscivo a credere all'uragano di post, di twitter, di commenti (e quindi rilanciati da blog e pagine news) che si stava abbattendo sul web. Un fiume in piena silenzioso ma tremendo. Di li a pochi minuti venne fuori la questione dei famosi e ancora sconosciuti 101. Questi furono coloro che, fino allora ancora digiuni di twitter e di web, furono influenzati da quell'ordalia di messaggi e si fecero prendere la mano e la mente. Lo vediamo ancora oggi, dopo un anno, se analisi come questa di Ricolfi cercano di capire e fare il punto

Canoi 01/mar/2014 | 14:36

Non è così.
Ricolfi prende un abbaglio. Rileva alcuni fatti incontestabili: gli eletti non si conoscono fra di loro, la Rete non è rappresentativa dell'elettorato. E' così ma non dipende dallo strumento della comunicazione Web, quindi Rete, ma dal sistema elettorale. Il pericolo mortale per le relazioni umane, politiche e sociali è stato evidenziato da Carl Popper che lo collegava, allora, alla TV e al "ricevente passivo" (ricorderà Ricolfi la questione del "subliminale" in pubblicità). Non è paradossale ma Web, potendo il lettore interloquire, recupera spazio e partecipazione. Al cinema dove il messaggio è unidirezionale, in luogo dedicato, al buio e dopo aver pagato il biglietto vengono ridotte molto le facoltà critiche del ricevente: unica possibilità di reazione è uscire quando il messaggio è insopportabile. Meno la TV che facilmente permette di cambiar canale o spegnere. Non deve sfuggire che sto scrivendo una nota su L43 (che sui generis può essere considerata Rete) dove abitualmente scrivono molte decine di lettori-scriventi che fanno linea e tendenza come e talvolta di più dei redattori. L'errore direi imperdonabile di Ricolfi è confondere le minoranze, che descrive come estremistiche, con i sedicenti leaders in realtà padroni delle Reti (Grillo, Casaleggio ma anche Berlusconi anche se questo ha una pluralità di strumenti comunicativi che sa manovrare con consumata abilità) unici interpreti e depositari. Si chieda Ricolfi per quale ragione il gruppo di Grillo si sta sfaldando e scoprirà che il duo Grillo-Casaleggio gestisce la Rete con innaturali forature. E' il sistema elettorale che distrugge la capacità selettiva dell'elettore il quale ne è ben consapevole come segnalano i sondaggi. La abolizione delle preferenze e ancor di più il sistema maggioritario imposto all'elettore critico lo allontana dalle elezioni e impoverisce la Rappresentanza, confusa imbrogliando, dai padroni delle Liste con la Governabilità. Fenomeno ancora più diffuso della ridotta partecipazione elettorale è il "voto contro" il cambio secco di lista, elezione dopo elezione, del 15-30% degli elettori attivi. Poiché il "voto contro" non è evidente e non è utile all'imbonitore padrone di Lista si finge non esista e Ricolfi non lo rileva: non ha capito che il voto a M5S è perfetto voto contro (PD e PDL). In definitiva Web, quindi Rete, migliora la partecipazione dell'individuo alla comunicazione sociale e alla vita politica.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. GIUSTIZIA Pistorius condannato a cinque anni per omicidio colposo 2. CRONACA Mosca, morto il ceo di Total de Margerie 3. BLITZ Fisco, evasione miliardaria: perquisizioni della Finanza in tutta Italia 4. CULTURA Opera di Roma: il teatro conferma i licenziamenti 5. NORME Sblocca Italia, Iva al 4% per le ristrutturazioni
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next