Primarie Milano 2016, la guida al voto

Quattro candidati, 150 seggi, 2 euro per registrarsi e scegliere il candidato sindaco: le cose da sapere sull'appuntamento elettorale del 6 e 7 febbraio 2016.

01 Febbraio 2016

Francesca Balzani, Giuseppe Sala, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta a margine del secondo confronto ufficiale tra candidati alle primarie del centrosinistra, organizzato da Radio Popolare.

(© Ansa) Francesca Balzani, Giuseppe Sala, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta a margine del secondo confronto ufficiale tra candidati alle primarie del centrosinistra, organizzato da Radio Popolare.

Due giorni di tempo per votare, allargando il più possibile la platea degli elettori. Il centrosinistra milanese si appresta a scegliere con le primarie il proprio candidato sindaco, chiamando a raccolta i cittadini sabato 6 e domenica 7 febbraio. Sabato sarà aperto solo un seggio per ognuna delle nove Zone della città, con accesso riservato ai residenti. Domenica, invece, saranno aperti tutti i circa 150 seggi previsti.
Ecco una guida con le cose da sapere in vista dell'appuntamento politico.
CHI SONO I CANDIDATI. I candidati alle primarie del centrosinistra milanese sono quattro: Francesca Balzani, Giuseppe Sala, Pierfrancesco Majorino e Antonio Iannetta.
CHI PUÒ VOTARE. Alle primarie possono partecipare come elettori i cittadini e le cittadine che abbiano piena titolarità del diritto di elettorato attivo per le elezioni Comunali di Milano. Oltre a quanti risultano iscritti nelle liste elettorali del Comune, hanno diritto di voto nel seggio corrispondente all’indirizzo di residenza tutti i cittadini stranieri regolarmente residenti a Milano. Possono votare alle primarie anche i giovani residenti in città che compiranno il 16esimo anno entro la data delle prossime elezioni amministrative, previste a giugno 2016.
QUANDO E DOVE SI VOTA. I seggi sono aperti sabato 6 febbraio 2016 dalle 8 alle 18, e domenica 7 febbraio dalle 8 alle 20. Ci saranno circa 150 seggi in tutta la città. Per individuare quello più vicino alla propria casa, è possibile consultare VotaMi, il sito ufficiale delle primarie. Per ulteriori informazioni, il Comitato organizzativo delle primarie è raggiungibile per telefono, ai numeri 02-84232959 e 346-0715475, oppure via mail all'indirizzo: [email protected]
REGISTRAZIONE E PAGAMENTO. Per votare alle primarie del centrosinistra occorre recarsi al proprio seggio con un documento d'identità, la tessera elettorale non è richiesta. È necessario invece sottoscrivere l'adesione alla Carta dei valori del centrosinistra e versare un contributo minimo di 2 euro. Gli organizzatori precisano che il denaro raccolto viene utilizzato «unicamente per coprire i costi organizzativi delle primarie». Occorre infine acconsentire all’inserimento del proprio nome nell’Albo delle elettrici e degli elettori del centrosinistra milanese e alla sua consultazione da parte dei componenti del Comitato organizzativo o loro delegati, nel rispetto delle norme sulla protezione dei dati personali. Da lunedì 18 gennaio fino alle 18 di mercoledì 3 febbraio è inoltre possibile compilare un modulo online che consente di saltare la fila al seggio per la registrazione, pagando i 2 euro tramite PayPal. In alternativa, ecco l'elenco con i circoli del Pd e di Sel dove è possibile preregistrarsi.
COME VOTARE. Le schede di voto, in formato cartaceo, sono predisposte dal Comitato organizzativo e contengono il solo nome e cognome dei candidati, posti nell’ordine stabilito dall'estrazione a sorte. Vengono fornite in numero congruo e non possono essere riprodotte autonomamente presso il seggio, salva espressa autorizzazione da parte del Comitato e solo in casi di eccezionale urgenza. L’elettore si reca nella cabina ed esprime il proprio voto tracciando sulla scheda, con la matita, un segno nella casella posta accanto al nominativo prescelto o sul nome del candidato ovvero all’interno del riquadro contenente il nome del candidato, e la depone chiusa nell’apposita urna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Vanella-Grassi, il clan dietro il totonero di Napoli

Agenzie comprate. Scommesse illegali su partite impossibili. E guadagni sicuri. Così i Vanella-Grassi, banda di rione, sono diventati impero. Tra droga e omicidi.

prev
next