Primarie Napoli, respinto il ricorso di Antonio Bassolino

Presentato oltre il termine. Il relatore Serio abbandona la discussione: «Una formalità di fronte al disastro che si sta verificando in città». Bersani: «Nostri elettori a disagio».

09 Marzo 2016

Antonio Bassolino.

Antonio Bassolino.

Il comitato organizzatore delle primarie del centrosinistra a Napoli ha respinto il ricorso di Antonio Bassolino.
La decisione è stata presa con otto voti favorevoli e uno contrario, quello di Fabio Benincasa, rappresentante di Centro Democratico.
Vincenzo Serio, relatore del ricorso, ha abbandonato la stanza dove si stava svolgendo la riunione della commissione di garanzia.
Uscendo ha dichiarato ai cronisti: «Non discutiamo inutilmente il ricorso per farcelo dichiarare illegittimo per un cavillo, perché sarebbe arrivato oltre i termini previsti. Ci rifiutiamo di partecipare a una discussione formale, davanti al disastro che si sta verificando in questa città».
IL PRESUNTO 'CAVILLO'. Valeria Valente, ha spiegato Serio, «ha presentato un documento chiedendo che il ricorso di Antonio Bassolino fosse considerato irricevibile, perché presentato dopo la scadenza delle 24 ore entro cui è possibile ricorrere contro il voto nei singoli seggi».
Bassolino aveva protestato dopo la diffusione di un video, che mostrava un consigliere comunale offrire monete fuori da alcuni seggi, invitando gli elettori a barrare il simbolo della candidata Valeria Valente.
BASSOLINO SCONFITTO PER UN PUGNO DI VOTI. L'ex governatore campano ha perso per un pugno di voti, 452 per l'esattezza. E si era detto «disgustato per il mercimonio e le ridicole interpretazioni del video».
Il consigliere comunale 'protagonista' del filmato si è giustificato così: «Ho offerto una monetina a un paio di persone perché ne erano sprovviste. Il mio è stato un atto di pura cortesia, non so neanche per chi abbiano votato. Sono stato ingenuo? Forse. O forse mi si vuol far pagare qualcosa d’altro? Io ero e sono convinto che con la Valente il Pd napoletano ha più possibilità di vincere su de Magistris. È un reato pensarla così? Non credo» (leggi l'articolo).
La vincitrice delle primarie ha commentato così su Facebook il respingimento del ricorso.

 

 

L'AFFONDO DI BERSANI. Sulla vicenda è intervenuto con una dichiarazione anche Pier Luigi Bersani, che in Transatlantico a Montecitorio ha attaccato i vertici del Pd: «Irrituale che ci siano stati pronunciamenti di esponenti dell'esecutivo del partito prima della commissione di garanzia. A prescindere dagli esiti, non ci dovrebbero essere queste sgrammaticature. Bisogna entrare nel merito, perché c'è un problema politico gravissimo: il disagio dei nostri elettori».
ROSATO: «DECISIONE SAGGIA». Di diverso avviso il capogruppo del Pd alla Camera, Ettore Rosato: «Ognuno avrà espresso la sua opinione in piena libertà, dopodiché la commissione ha deciso con la saggezza che è propria degli organi di garanzia».
IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE: «TEMPO SCADUTO». Giovanni Iacone, presidente della commissione di garanzia delle primarie Pd a Napoli, ha confermato che il motivo per cui il ricorso di Bassolino è stato dichiarato inammissibile è il suo essere arrivato a tempo scaduto: «Abbiamo ritenuto, votando a maggioranza, non accoglibile il ricorso presentato da Antonio Bassolino perché presentato fuori dai termini previsti dal regolamento». Iacone ha aggiunto però che il ricorso è stato esaminato e bocciato «anche nel merito, perché complessivamente gli episodi contestati non determinavano l'invalidità dei seggi, posto che nei seggi, come certificato dai verbali, non si è verificata alcuna irregolarità. Si è votato per 13 ore e nel video si vedono due minuti e mezzo di immagini». La commissione «ha deciso a maggioranza e credo che alla fine questi organi servano a stabilire come andare avanti». Iacone ha precisato che, dopo la proclamazione avvenuta mercoledì 9 marzo, «è ancora possibile presentare un ricorso entro 48 ore, ma non sui singoli seggi, bensì su tutte le primarie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

alex100 09/mar/2016 | 20 :09

Napoletani Salvi per un cavillo
IL "nonnino" potrà finalmente rilassarsi, anche in una casa di riposo

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Export, terremoto, costo del denaro: che nubi su Renzi

Cala la fiducia di famiglie e imprese. Aumenta il debito. Preoccupa la deflazione. L’economia italiana è piena di incognite. Il colpo di grazia? Se la Fed alza i tassi...

prev
next