Reato di negazionismo, il Senato dà l'ok al ddl

L'Aula ha approvato il disegno di legge con 234 voti favorevoli. L'esame adesso passa alla Camera.

11 Febbraio 2015

L'aula del Senato.

(© ImagoEconomica) L'aula del Senato.

L'Aula del Senato l'11 febbraio ha detto sì al ddl contro il negazionismo che ora deve passare all'esame della Camera. I sì sono stati 234, 8 gli astenuti e 3 i no.
«Il Paese volta pagina. Il reato di negazionismo è una svolta. Negare la Shoah e i genocidi verrà punito come avviene in tanti altri Paesi», ha detto Giuseppe Lumia, capogruppo Pd in commissione Giustizia.
CATTANEO CONTRARIA. Di tutt'altro avviso la senatrice Elena Cattaneo del Gruppo misto, secondo cui «vietare il negazionismo per legge è sbagliato per una questione di principio, perché non è ammissibile imporre limiti alla ricerca e allo studio di una teoria. Trovo ignobili le tesi dei negazionisti», ha aggiunto, «ma non credo che minino una disciplina, nessuno storico prende sul serio queste teorie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Rouen, Augé: «Vi spiego la trappola simbolica dell'Isis»

Primo attacco a una chiesa. Dopo Charlie, Parigi e Nizza è una svolta simbolica. Augé: «I terroristi non riconoscono l'Europa laica, così ci fanno tornare indietro».

Mediaset, ora Berlusconi teme la scalata di Bolloré

Rottura tra il Biscione e Vivendi. Il Cavaliere sospetta una manovra dei francesi. Che sfrutterebbero la debolezza del titolo. Fermandosi prima della soglia Opa.

Napoli, il 'traditore' Higuain e quel coro ormai da ripudiare

Il Pipita va alla Juve. Napoli cancella il ritornello trash da stadio. Che il bomber cantava sotto la curva. Tornerà Ohi vita ohi vita mia? Storia di una disillusione.

Rouen, moschea salafita accanto alla chiesa

Il terrorista che ha sgozzato padre Hamel si sarebbe radicalizzato in rue Guynemer. La stessa via della parrocchia presa d'assalto. Le prime indagini a Saint-Etienne-du-Rouvray dopo la strage al Bataclan.

prev
next