Tav, protocollo firmato: 12 anni per la Torino-Lione

Ok all'accordo. Opera da 8,3 mld per 270 km:  scavo del tunnel esplorativo a 4,5 km.

08 Marzo 2016

Un tunnel dell'Alta velocità

(© Ansa) Un tunnel dell'Alta velocità

Con la firma dei governi di Italia e Francia al protocollo addizionale dell'accordo per la Tav Torino-Lione «vengono coronati 15 anni di lavoro».
Mancano ancora le ratifiche dei rispettivi parlamenti, entro fine 2016, «poi si potranno bandire le gare per la realizzazione della nuova ferrovia». A parlare è Mario Virano, direttore generale di Telt (Tunnel Euroalpin Lyon Turin), la società incaricata di costruire e gestire la linea ad alta velocità.
TRATTA DI 270 KM. L'intera tratta Torino-Lione è lunga 270 chilometri, ma l'accordo tra Italia e Francia riguarda solo la 'sezione transfrontaliera', 65 km da Saint Jean de Maurienne a Susa-Bussoleno. Un'opera da 8,3 miliardi di euro, costo certificato al valore del 2012, che dovrà essere completata - compresa la fase dei collaudi - in 12 anni.
CONTRIBUTO UE PER IL 40%. La Ue contribuirà per il 40%, la restante quota sarà per il 57,9% a carico dell'Italia, per il 42,1% coperta dalla Francia.
«Quello di oggi firmato a Venezia» - ha spiegato Virano - «è l'ultimo atto dell'accordo siglato nel 2001 e poi aggiornato nel 2012 e nel 2015. Sono state definite tutte le decisioni ancora da prendere, compresa quella relativa alla normativa anti-mafia, che sarà unica nei cantieri italiani e in quelli francesi». «È» - ha sottolineato il direttore generale di Telt - «il primo accordo europeo per norme anti-corruzione su base transnazionale».
IMPEGNO PER CHIUDERE IN 60 GIORNI. La questione verrà definita, entro 60 giorni - questo è l'impegno preso dai due governi - «con la messa a punto della forma tecnico-giuridica dei contratti». La Francia ha dato quest'incarico al presidente del Consiglio di Stato, l'Italia agli uffici legislativi dei ministeri dell'Interno e degli Esteri.
LA PROTESTA NO TAV SI FA SENTIRE. L'Unione montana della Valle di Susa ha ribadito la sua contrarietà alla Tav, nell'audizione alla commissione Lavori pubblici del Senato, e resta diffusa l'opposizione No Tav nella vallata: «Senza la nuova ferrovia», è l'opinione di Virano, «quello della Torino-Lione sarebbe l'unico dei sette valichi alpini senza un tunnel di base, dove cioè i treni sarebbero ancora costretti a salire fino a 1.300 metri di altitudine per poi scendere, invece che attraversare le montagne come se fosse in pianura». E questo garantirà la galleria lunga 57,5 chilometri, tra Italia e Francia.
SCAVO ARRIVATO A 4,5 KM. Nel frattempo, a Chiomonte, in Valle di Susa, lo scavo del tunnel esplorativo è arrivato a 4,5 km (sui 7,5 previsti) e nella montagna di Saint-Martin-la Porte si sta assemblando la fresa che da «giugno-luglio scaverà i primi 9 km del tunnel di base». In realtà, si tratta dell'ultima opera propedeutica, ma il fatto che venga realizzata nell'asse della futura maxi-galleria e con lo stesso diametro la rende in pratica un anticipo dei lavori dell'opera vera e propria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Albert Rivera e Pablo Iglesias.
Elezioni Spagna, la sconfitta dei partiti …

La Spagna resta nella palude. Podemos manca il sorpasso sul partito socialista. Mai così in crisi di consensi. Mentre il flop di Ciudadanos rafforza il Pp di Rajoy.

prev
next