Trump alla Casa Bianca? I Simpson avevano previsto tutto

In una puntata del marzo 2000 ambientata nel futuro, la presidente Lisa parla dei danni del precedente governo: al cui vertice c'era proprio il miliardario di New York.

18 Marzo 2016

Un frame della clip rilasciata a luglio 2015 sulla candidatura di Trump.

Un frame della clip rilasciata a luglio 2015 sulla candidatura di Trump.

I Simpson avevano capito tutto. In un'intervista a Hollywood reporter, Dan Greaney, lo scrittore dell'episodio Bart nel futuro (uscito nel marzo del 2000) ha dichiarato che voleva «dare un avvertimento all'America» nello scrivere la puntata in cui si parla di Trump come presidente degli Stati Uniti.
Una visione fantastica di un'America ridicola, figlia dei suoi vizi e dei suoi lati più controversi, che sedici anni dopo rischia di diventare realtà.
Nella puntata in questione, incredibilmente profetica, Bart viene proiettato nel futuro, dove si ritrova come un barbone alcolizzato, mentre la sorella è diventata presidente degli Stati Uniti, prendendo il posto di Trump, per l'appunto.

 

  • Bart nel Futuro (19 marzo 2000).

 

«Come sapete, abbiamo ereditato un budget a pezzi dal presidente Trump», dice Lisa ai suoi consiglieri nello Studio Ovale, «quanto dobbiamo preoccuparci? Il Paese è fallito? Come può essere?».
Un possibile futuro con Trump presidente, dice Greansey, «sembrava semplicemente il passo logico prima di toccare il fondo. È stato scelto lui perché era in linea con una visione dell'America sull'orlo della pazzia».
LA CLIP SU MISURA A LUGLIO 2015. Quando Trump ha iniziato a fare i primi passi verso la candisatura, i Simpson non si sono lasciati scappare l'occasione. In una clip rilasciata nel luglio 2015, Homer viene pagato per assistere a un comizio del magnate, dove viene catturato dal parrucchino di Trump (da tempo oggetto di satira negli Usa) per poi venire cacciato dalle sue guardie del corpo.
La scritta sul palco da dove parla il tycoon dice tutto sul suo narcisismo: «America, tu puoi diventare una mia ex-moglie!».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Amatrice città fantasma, non è rimasto nulla

Nuove scosse e cedimenti. Vie d'accesso chiuse. Amatrice è sempre più isolata. Il sindaco: «Bisogna radere tutto al suolo». E i morti continuano a salire. Foto.

prev
next