Ucraina, Timoshenko: «Armi nucleari contro i russi dell'Est»

L'ex premier intercettata sul web. Ma lei nega: «Parole manipolate».

25 Marzo 2014

Yulia Timoshenko.

(© getty images) Yulia Timoshenko.

Al telefono avrebbe suggerito sarcasticamente l'uso di armi nucleari contro gli ucraini di etnia russa, concentrati per lo più nelle regioni orientali e meridionali del Paese.
Come se non bastassero le tensioni tra Kiev e Mosca, ad alimentare la crisi ci si sarebbe messa pure l'ex premier ucraina Yulia Timoshenko che avrebbe illustrato la sua 'soluzione' parlando con Nestor Shufrich, un deputato del partito delle Regioni (è la formazione del presidente destituito Viktor Yanukovich).
PRONTA A SPARARE A PUTIN. Ma non è finita, perché sempre al telefono l'eroina della rivoluzione arancione si sarebbe detta «pronta a prendere in mano un mitra e sparare in fronte a questo mascalzone», riferendosi al presidente della Russia Vladimir Putin, reo di essersi ripreso la Crimea (della questione se ne sta parlando anche al G7 de L'Aja).
«La situazione sta andando oltre ogni limite. Bisogna prendere le armi in mano e andare a far fuori questi dannati kazap (vecchio termine ucraino molto spregiativo per definire i russi, ndr) insieme con il loro capo», si sente dire da una voce femminile che è stata attribuita a Timoshenko nella telefonata resa nota dai media russi.
«Userò tutte le mie relazioni, farò sollevare tutto il mondo perché di questa Russia non resti neppure un campo bruciato», ha aggiunto la stessa voce.

«FRUTTO DI UN RITOCCO» A smascherare l'ex premier è stato il web: la telefonata della pasionaria, infatti, è stata intercettata e pubblicata su internet. La leader di Patria non ha negato di aver contattato il deputato avversario, ma ha precisato che la parte in cui si è scagliata contro i russi d'Ucraina è falsa, frutto di un ritocco per metterla in cattiva luce.
«In realtà», ha scritto Timoshenko su Twitter, «il passaggio sugli 8 milioni di russi in Ucraina è un montaggio. Infatti ho detto che i russi in Ucraina sono ucraini». E poi ha scritto: «Hello Fsb (i servizi segreti russi, ndr)». Quindi ha concluso scusandosi per il linguaggio «osceno».
ATTACCATA SU TWITTER. La frase incriminata, indipendentemente dalla sua autenticità, ha fatto però il gioco del Cremlino, che dopo le rivolte della Maidan e la caduta di Yanukovich accusa le nuove autorità di Kiev di minacciare i diritti dei russi e dei russofoni d'Ucraina. Tanto che il presidente della commissione per gli Affari internazionali della Duma russa, Aleksei Pushkov, ha già attaccato l'ex premier.
«Timoshenko», ha scritto Pushkov su Twitter, «pensa che i russi dell'Ucraina sudorientale debbano essere uccisi con le armi nucleari. Un modo abbastanza inusuale di iniziare la campagna elettorale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Arianna Razza 26/mar/2014 | 17 :57

Finalmente queste falso democratiche gettano la maschera
Non che ce ne fosse bisogno ma..

Alfredo Iannuzzi 26/mar/2014 | 07 :44

Questa e' la passionaria sostenuta dal mondo occidentale
Mi risulta che nel passato molte Nazioni aspiranti ad entrare o nella EU o nella NATO hanno dovuto fare anticamera con tanto di esami di ammissione basati soprattutto sulla dimostrazione del grado di democrazia raggiunto. (ed alcune sono ancora in lista d'attesa e sotto esame, vedi Serbia)
Ora l'ammissione de "The Ukraina" con questi fascisti che hanno usurpato il governo della nazione e' sostenuta tout court?
"c'e' del marcio in Danimarca"

antonimo 25/mar/2014 | 19 :32

Una lobbista senza scupoli
Questa megera, condannata per truffa ai danni del popolo ucraino, incita all'odio ed al delitto, parla di prendere le armi, spazzare via i "kazap", far fuori Putin e fare della Russia un campo bruciato ! Di fronte a questa iena con pulsioni assassine, il deposto presidente Yanukovich risulta essere un perfetto gentiluomo, come prova il fatto che lo stesso, pur avendola in suo potere in prigione, non ne ha approfittato per distruggerla. E' di tutta evidenza che questa pazza carica di odio, se avesse potuto, non avrebbe esitato un attimo ad eliminare fisicamente Yanukovich e non solo !

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Albert Rivera e Pablo Iglesias.
Elezioni Spagna, la sconfitta dei partiti …

La Spagna resta nella palude. Podemos manca il sorpasso sul partito socialista. Mai così in crisi di consensi. Mentre il flop di Ciudadanos rafforza il Pp di Rajoy.

prev
next