Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Venerdì, 25 Luglio 2014- 03.33

Stili di vita 

Voleva rifarsi i glutei, le hanno amputato braccia e gambe

Reazione allergica al silicone per una donna americana. Si era rivolta al mercato nero.

VANITÀ PUNITA

Voleva assumere forme sinuose, soprattutto sui glutei. E invece si è ritrovata senza braccia e senza gambe, ridotta come un manichino. Le foto pubblicate da alcuni giornali stranieri sono impietose.
Apryl Michelle Brown, afroamericana di 46 anni di Los Angeles, è viva per miracolo dopo che un'iniezione di silicone le ha messo fuori gioco la circolazione sanguigna di mani e piedi rendendo necessari tagli di parti del corpo. Il suo errore è stato rivolgersi al mercato nero. Lo specialista a cui si era rivolta si è rivelato un ciarlatano.
SILICONE INDUSTRIALE. «Ho pagato per la mia vanità», ha detto lei stessa. E ancora: «Non me la posso prendere con nessuno se non con me stessa. Desidero che la mia esperienza sia conosciuta per evitare altre vittime. Le donne devono conoscere quali pericoli si corrono quando inseguono la bellezza. Non sapevo a cosa andassi incontro. Pensavo mi avrebbero fatto delle iniezioni inoffensive che avrebbero corretto i miei glutei imperfetti». La persona che ha per sempre rovinato la sua esistenza le aveva assicurato che avrebbe utilizzato silicone innocuo per rimodellare i suoi glutei. Invece si trattava di plastica per uso industriale e non medicale.
Proprio come successe per le protesi al seno dell’azienda Pip, di fabbricazione francese, impiantate in centinaia di migliaia di donne nel mondo. Si scoprì che contenevano materiale non garantito.
REAZIONE ALLERGICA. «Subito dopo le prime iniezioni ho sentito che qualcosa non andava, ma non ho avuto il coraggio di rivolgermi a un medico. Il bruciore aumentava. Ho avuto una reazione allergica che ha sconvolto la mia vita. Dolori atroci. Desideravo farla finita per non soffrire più. I chirurghi mi proposero l’amputazione di gamba e braccia. Non avevo scelta» ha raccontato la donna.

Lunedì, 27 Maggio 2013 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Commenti (1)

Matteo Pescarolo Pescareo 28/mag/2013 | 13:43

Cosa potrebbe succedere ad una donna che vuole apparire più bella!
io penso che la bellezza sta nell'amare il proprio corpo così come natura lo ha creato!!

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia
Alessandria - Dialessandria.it Derthona, presi Catenacci e D’Angelo