INTERNET & LEGGI

Agcom e il bavaglino

Ok alla delibera che ha scatenato la bufera in Rete.

di Fabio Chiusi

|

06 Luglio 2011

La tanto criticata delibera Agcom sul diritto d\'autore è stata approvata. Ma sono previsti ulteriori 60 giorni di consultazioni, così che molto probabilmente fino a ottobre 2011 non sarà operativa. Diverse le modifiche, tutte volte ad ammorbidire un testo che aveva suscitato una lunga e rumorosa protesta in Rete.
TUTTE LE MODIFICHE. Innanzitutto, la procedura «non prevede alcuna misura di inibizione dell\'accesso ai siti internet». In secondo luogo, è stabilito che il regolamento non si applica a siti amatoriali e senza scopo di lucro. Si allungano poi i tempi per il contraddittorio, che ora ha una durata di 10 giorni (e non più 5), e per giungere alla rimozione dei contenuti, da 48 ore a 20 giorni prorogabili di altri 15. 
Più in generale, l\'Agcom non è più in grado di agire indipendentemente dall\'autorità giudiziaria: un ricorso di una qualsiasi delle due parti di fronte al giudice, infatti, blocca la procedura. 
CALABRÒ: «ELIMINATE LE AMBIGUITÀ». Il presidente Agcom, Corrado Calabrò, si è detto certo di aver eliminato «ambiguità e possibili criticità» dal provvedimento. Che, in effetti, è più morbido rispetto a quello che aveva scatenato la rivolta in Rete. Difficile, in ogni caso, pensare che basti a placare le proteste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

agenor 07/lug/2011 | 15:49

abolire dirautore
continui gli intollerabili attacchi alla libertà della rete,adesso ci provano col pretesto del diritto d'autore,il diritto d'autore nel 3 millennio è una bufala,ormai tutti copiano da tutti,in pratica impossibile esprimere qualcosa di nuovo,di originale veramente non c'è in sostanza nulla;è l'ora che sia abolito,ed abolita la SIAE.

meobirba 07/lug/2011 | 08:54

e' la solita manovra dei nostri politici
tirano un sasso, poi intorbidano le acque.
alla fine nessuno ci capisce nulla e ciascuno dice la sua... fino a quando quella pietra ricompare, tirata da mani esperte in testa a qualcuno... embeh? e poi non lo sapevate gia'? vi diranno che e' la legge.
poveri pirla.
ma cmq , dietro tutti questi remesci ci sta una volonta' , dappertutto, di imbavagliare la popolazione attiva e pensante.
la rete e' un lievito che sta fermentando la massa del pane.
il pane e' il popolo.
Come disse qualcuno : una nuova idea non si propaga fino a che non raggiunge la massa critica . poi la nuova idea soppianta la vecchia e sembra impossibile che prima fosse quella dominante.
Pensateci ragazzi.
Tocca ai giovani.
Io le mie battaglie le ho gia' fatte.

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. URNE APERTE Elezioni regionali: Emilia Romagna e Calabria, la diretta 2. EDITORIALE Rai, se resta pubblica è dei partiti 3. INCHIESTA Mafie al Nord e imprenditori: tra affari e vessazioni 4. LA MODA CHE CAMBIA Violenza contro le donne? Sensibilizzate le mamme 5. COLPO DI STATO Libia, il golpe soft della Fratellanza musulmana
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next