Anonymous, la polizia postale ha identificato X

Disse di aver sventato un attacco dell'Isis a Firenze. È un giovane informatico di 29 anni, originario di Aosta.

21 Gennaio 2016

Conosciuto all'interno del movimento Anonymous come 'X' (alias 'wArning'), un giovane di 29 anni è stato denunciato dalla polizia postale.

Conosciuto all'interno del movimento Anonymous come 'X' (alias 'wArning'), un giovane di 29 anni è stato denunciato dalla polizia postale.

Aveva lasciato intendere di aver sventato un attentato dell'Isis a Firenze, protetto dall'anonimato. Ma è stato identificato e denunciato dalla polizia postale.
Si tratta di un giovane informatico di 29 anni, originario di Aosta, conosciuto all'interno del movimento Anonymous come 'X' (alias 'wArning').
Il 28 dicembre 2015 'X' aveva rilasciato un'intervista a un quotidiano online, ma l'attentato che sarebbe riuscito a sventare non ha trovato alcun riscontro, né nelle indagini della polizia postale, né nelle analisi degli esperti antiterrorismo.
ACCUSATO DI ASSOCIAZIONE A DELINQUERE. L'accusa, per l'esperto informatico, è  piuttosto pesante: associazione a delinquere finalizzata all'accesso abusivo e al danneggiamento di sistemi informatici. 'X' è ritenuto, tra l'altro, il fondatore del canale OpParis, il cui fine era quello di individuare profili Twitter ritenuti appartenenti all'organizzazione terroristica responsabile degli attentati in Francia. L'indagine che ha portato alla sua identificazione è stata condotta dal Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic), coordinata dal procuratore aggiunto di Roma Giancarlo Capaldo e dal sostituto procuratore Eugenio Albamonte.
ANONYMOUS SI ERA DISSOCIATA. Il Cnaipic monitora e analizza dati raccolti dal web, allo scopo di proteggere le infrastrutture critiche dell'Italia da attacchi cibernetici, ma anche per valutare in tempo reale la miriade di notizie, spesso infondate ed allarmistiche, che pullulano in Rete. Gli investigatori si sono concentrati su alcuni particolari nelle modalità di diffusione sul web della rivendicazione del presunto attentato sventato, e nell'indicazione della città di Firenze quale sede del fatto. Tali particolari, insieme alla successiva dissociazione di Anonymus dai comunicati e dai video effettuati da 'X', hanno permesso di stringere il cerchio intorno al giovane di Aosta.
SUCCESSI MILLANTATI PER ACQUISIRE PRESTIGIO. La sua casa è stata perquisita ed è stato sequestrato del materiale informatico, ora al vaglio degli investigatori. Dall'analisi di tale materiale sarà anche possibile capire se 'X' abbia agito in concorso con altre persone, spinte a millantare 'successi' investigativi nella lotta al terrorismo islamico al solo fine di attribuirsi falsi meriti per acquisire credibilità all'interno del movimento Anonymous.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next