INTERNET

Google, suggerimenti di ricerca nel mirino

Una sentenza tedesca condanna Big G a cancellare accostamenti considerati ingiuriosi.

15 Maggio 2013

La funzione di Google che suggerisce accostamenti di parole durante la ricerca va modificata. Secondo i giudiici della Corte federale tedesca, infatti, può essere lesiva dei diritti della persona.
Una sentenza ha dato infatti ragione a una ditta di cosmetici il cui nome veniva automaticamente affiancato nel primo motore di ricerca al mondo alle parole «truffa» e «scientology» e che per questo aveva fatto causa a Google. Così, i giudici hanno imposto a Big G di cancellare le associazioni infondate ogni volta che l'interessato ne faccia richiesta.
SUGGERIMENTI RISCHIOSI. La multinazionale statunitense ha definito incomprensibile la decisione: è già possibile richiedere la cancellazione di determinate associazioni attraverso un modulo online. Inoltre, come è stato più volte chiarito, i suggerimenti per il cosiddetto autocompletamento non derivano da scelte di Mountain View, ma sono il risultato di precedenti ricerche fatte da altri utenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Le TOP 5 di oggi
1. URNE APERTE Elezioni regionali: Emilia Romagna e Calabria, la diretta 2. EDITORIALE Rai, se resta pubblica è dei partiti 3. INCHIESTA Mafie al Nord e imprenditori: tra affari e vessazioni 4. ANALISI Elezioni regionali: Emilia e Calabria, i motivi d'interesse 5. COLPO DI STATO Libia, il golpe soft della Fratellanza musulmana
Dalla nostra HomePage
L43 Twitter
prev
next