Apri/chiudi Tab
Le top 10 news di oggi chiudi
Le inchieste di Lettera43 chiudi
Le grandi interviste di Lettera43 chiudi
L43 - Local L’informazione dalla tua città Invia
TUTTO ITALIA EUROPA AFRICA ASIA NORD-AMERICA SUD-AMERICA OCEANIA Login | Registrati |  Mercoledì, 30 Luglio 2014- 09.01

Tecnologia 

Governo e web, Passera sbarca su Twitter

Dopo il premier arriva il ministro: «Giannino è il cambiamento».

POLITICA E SOCIAL

Dopo i primi cinguettii di Mario Monti, anche il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera (che il 7 gennaio ha criticato l'Agenda del premier e la sua 'salita' in politica), è sbarcato su Twitter.
Con un profilo dal titolo 'Italia start up', che ricorda il provvedimento uscito dal suo ministero al quale forse tiene di più, il ministro si è presentato dicendo di sé: «Papà di Sofia, Luigi, Luce e Giovanni. Marito di Giovanna. Amante dell'Italia. Ministro della Repubblica».
ATTIVO DA SUBITO. Il primo cinquettio è stato solo un saluto: «Da oggi ci sono anche io per ascoltare e dire la mia. Ringrazio i miei primi follower».
Ma subito dopo il ministro ha inziato a interagire coi suoi follower, che nel giro di poche ore erano già arrivati a 6.500.  Come a dimostrare di non essersi pentito della sua presa di posizione contraria alla scelta di Mario Monti, Passera ha postato per ben due volte l'articolo del Corriere della sera in cui aveva espresso la propria opinione al riguardo.
E a chi gli faceva notare che avrebbe potuto trovare maggiori punti di contatto con Oscar Giannino e Fare per fermare il declino, il ministro ha risposto così: «l'iniziativa di @OGiannino e @fermaredeclino non possono non far parte del cambiamento che vogliamo». Il tutto sotto l'hashtag #agendaperlitalia.
NO ALLE CORRENTI. A dividere il ministro e il premier, come è noto, è stata la questione delle liste, con Monti che ha ceduto ai partiti che lo sostengono e ha accettato di presentarsi con più sigle federate alla Camera. «Giusto! e per questo mi sono battuto per #listaunica contro ogni #correntismo», ha risposto Passera a un utente che gli scriveva: «Gentile ministro, l'ammiro molto ma credo che ci sia poco bisogno di benaltrismo. Sarebbe più utile unire le forze riformiste».
Elusivo invece su una domanda rivoltagli dalla redazione italiana dell'Huffington Post: «Cosa pensa dell'eventuale vendita di #Alitalia ad #AirFrance da parte dei soci della cordata italiana?». «Parliamone a fondo, quando avremo tutti gli elementi», ha risposto Passera.

Lunedì, 07 Gennaio 2013 © RIPRODUZIONE RISERVATA


Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

L’informazione dalla tua città
Invia