Centro documentazione fascismo, polemica

Mezzetti rassicura: non sarà mai un 'museo' nostalgico

16 Febbraio 2016

(© Ansa)

(ANSA) - BOLOGNA, 16 FEB - Il centro di documentazione sul fascismo che dovrebbe nascere nella ex Casa del fascio di Predappio torna a far discutere, dopo che il sindaco Giorgio Frassineti (Pd) ha annunciato di essere alla ricerca di fondi. La notizia ha suscitato la forte contrarietà da Sel e Rifondazione che hanno contestato l'idea di costituire un museo. Il Comune, da qualche mese, è entrato in possesso dell'immobile, che si trova nel centro del paese natale di Benito Mussolini, ma che da anni versa in un grave stato di abbandono. Per chiarire l'equivoco è intervenuto l'assessore regionale alla cultura dell'Emilia-Romagna Massimo Mezzetti. "Parlare di museo del fascismo - ha detto - crea un equivoco, se lo chiami museo del fascismo nasce male, perché in questo caso il nome è sostanza. Dobbiamo evitare che sia una raccolta di cimeli o una cosa nostalgica e che diventi invece un serio centro di documentazione. Io so che il sindaco la pensa come me, ma spesso semplifica un po' troppo la sua idea e genera equivoci".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
L'attentatore è stato ripreso dalle telecamere davanti al Mc Donald's e sul tetto di un parcheggio.
Attacco a Monaco, cosa sappiamo

L'attentatore è un 18enne tedesco-iraniano. Si chiamava Ali Sonboly. Era da solo. Movente? Ipotesi bullismo. Si scava nel suo passato. Dieci morti, 16 feriti. Foto.

Tiro al bersaglio su Parisi

L'attacco di Bisignani. Le trame di Verdini e Toti. I malumori dentro Forza Italia. L'ex Chili è nel mirino. E i suoi nemici si fregano le mani. Scaglia in primis.

prev
next