Emerso tesoro di una principessa etrusca

Terminato microscavo della tomba. Ad aprile una nuova campagna

08 Marzo 2016

(ANSA) - MILANO, 8 MAR - Ha portato alla luce tutto lo splendore di un corredo funebre intatto il microscavo della cosiddetta 'Tomba dello scarabeo d'oro' appena terminato, a Montalto di Castro (Viterbo) nei laboratori della Fondazione Vulci. Una collana in ambra, fenicia, due scarabei (uno dei quali, appunto, d'oro) egizi, fibule e vasellame di rara fattura: sono i 'tesori' emersi dal rocambolesco ritrovamento, lo scorso febbraio, della sepoltura, trovata nell'area del Parco archeologico di Vulci (che fa parte della Soprintendenza per l'Etruria meridionale del Lazio) e sottratta all'ultimo momento al saccheggio dei tombaroli. Gli approfondimenti antropologici hanno portato anche a formulare l'ipotesi che la defunta fosse una Principessa etrusca. Di lei restano solo alcune ossa incombuste avvolte in un prezioso telo. E il mistero di una dignitaria da collocare nella nascente aristocrazia etrusca. Tanto che, a partire dal 4 aprile, a Vulci, un gruppo internazionale di archeologi darà vita a una vasta nuova campagna di scavo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Greco, un indipendente che piace al potere

Greco è il nuovo capo della procura milanese. Estraneo alle logiche correntizie, assicura continuità con Bruti Liberati. E accontenta (quasi) tutti. Renzi incluso.

prev
next