Faenza riapre Emanuela Orlandi

Il 6 ottobre con Scamarcio/De Pedis il film-inchiesta

23 Settembre 2016

(ANSA) - ROMA, 23 SET - Il 22 giugno 1983 Emanuela Orlandi, 15 anni, cittadina vaticana, figlia di un commesso della Prefettura della Casa pontificia, sparisce nel centro di Roma dopo una lezione di musica. Comincia così uno dei più clamorosi, incredibili e dolorosi, casi irrisolti italiani. Anni e anni di indagini, oscure ipotesi, una disperazione familiare che ha coinvolto l'Italia, presunti coinvolgimenti di poteri forti - Il Vaticano, lo Stato Italiano, l'Istituto per le Opere di Religione (IOR), la Banda della Magliana, il Banco Ambrosiano e i servizi segreti - e altrettanti depistaggi. Con purtroppo un'unica certezza: la ragazza non è mai più tornata a casa e di lei non si è davvero mai saputo più nulla, mentre la Cassazione nel maggio 2016 ha archiviato definitivamente l'inchiesta. Esce il 6 ottobre e sicuramente scatenerà polemiche La verità sta in cielo, film di Roberto Faenza che ricostruisce la vicenda ripensandola oggi e con la partecipazione del fratello di Emanuela, Pietro Orlandi, che interpreta se stesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next