Fuocoammare vola, stampa internazionale

Molti giudizi positivi dopo presentazione a Festival Berlino

14 Febbraio 2016

(ANSA) - BERLINO, 14 FEB - Vola sulla stampa internazionale Fuocoammare di Gianfranco Rosi, unico film italiano in concorso alla 66/ma edizione del Festival di Berlino. Giudizi positivi, tra gli altri, su Hollywood Reporter, Der Spiegel, Taggesspiegel, Screen International e The Guardian. "Dove il giornalismo finisce, inizia Fuocoammare - dice Debora Young su Hollywood Reporter -. Ci vuole un regista di documentari unico come Gianfranco Rosi per catturare il dramma attraverso il periscopio della sua macchina da presa incentrata sulla piccola isola siciliana di Lampedusa''. Vola il film di Rosi anche su The Guardian. Andrew Pulver sottolinea: "Nonostante il pacato e rispettoso modo di filmare di Rosi, questo film è un potente pugno nello stomaco". Infine, due tweet, quello del Daily Telegraph in cui Tim Robey scrive: "Un film opportuno, umano e sconvolgente". E quello di The Times a firma Kate Muir, che dice solo: "Brillante".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Angela Merkel e Matteo Renzi a Maranello. Nel riquadro, l'analista politica Rosa Balfour.
Flessibilità, perché l'asse italo-tedesco …

Il premier vede Merkel. Ma per allentare il patto di stabilità «serve un progetto coi socialisti Ue», dice l'analista Balfour. Come su migranti e Brexit. Lo spunto.

Vestager, la donna incubo delle multinazionali

Vuole scucire ad Apple 13 miliardi. E inchioda Google, Fiat, Starbucks, Gazprom. Così la commissaria Vestager prova a dimostrare che l'Ue non è solo burocrazia.

prev
next