Libia: ex ostaggi, 'liberati da soli'

'Tenuti da gruppo non legato a Isis. Presi a calci e senza cibo'

06 Marzo 2016

(© Ansa)

(ANSA) - ROMA, 6 MAR - Gino Pollicardo e Filippo Calcagno sono riusciti a liberarsi da soli venerdì scorso dopo 5 mesi di prigionia in Libia: lo hanno detto oggi agli inquirenti durante l'audizione. Hanno riferito che mercoledì i carcerieri hanno prelevato Salvatore Failla e Fausto Piano, forse per effettuare un trasferimento in una nuova prigione. Da allora Pollicardo e Calcagno non hanno più incontrato i loro carcerieri e non hanno ricevuto né acqua né cibo, hanno deciso di sfondare la porta del luogo dove erano segregati e sono riusciti a fuggire. I due tecnici hanno raccontato di aver subito violenze psicologiche e fisiche, di essere stati picchiati con calci e pugni e qualche volta col manico di un fucile. A tenerli prigionieri, hanno detto, sono stati elementi di un gruppo islamista non direttamente riconducibile all'Isis, quasi certamente una banda di criminali comuni. Sono rimasti sempre nella zona di Sabrata e sempre con le stesse persone: due i carcerieri che si alternavano e del gruppo faceva parte anche una donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: libia

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Vanella-Grassi, il clan dietro il totonero di Napoli

Agenzie comprate. Scommesse illegali su partite impossibili. E guadagni sicuri. Così i Vanella-Grassi, banda di rione, sono diventati impero. Tra droga e omicidi.

prev
next