Meryl Streep, Fuocoammare è da Oscar

Lo riferisce produttrice,"Meryl farà di tutto per averlo in Usa"

21 Febbraio 2016

(© Ansa)

(ANSA) - BERLINO, 21 FEB - "Meryl Streep mi ha detto, tenendomi per mano: 'questo film può vincere l'Oscar. Farò di tutto perché sia portato negli Usa'". Donatella Palermo, produttrice di "Fuocoammare", il giorno dopo la consegna dell'Orso d'oro al film di Gianfranco Rosi, racconta all'ANSA dell' "entusiasmo e della profonda commozione" con cui la star del cinema americano, presidente di giuria della 66/ima edizione del concorso di Berlino, ha reagito al film su Lampedusa. La commozione sul palco della premiazione era stata già evidente. E i racconti del giorno dopo confermano l'impressione, ritraendo la presidente della giuria 2016 particolarmente espansiva con tutti, e profondamente colpita, scossa dal lavoro su Lampedusa, (già uscito nelle sale italiane il 18 e prodotto da 21uno Film, Stemal Entertainment, Istituto Luce città e Rai Cinema). "Fuocoammare" avrebbe convinto tutti i giurati fin dal primo momento: "È questo il film", avrebbero detto subito all'unanimità, secondo quanto è stato riferito all'entourage di Rosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Jeremy Corbyn.
Brexit, il Labour tra caso Corbyn e …

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next