Papa: tre anni, i poveri al centro

Soggetti storia e interlocutori, con stessa dignità dei grandi

11 Marzo 2016

(© Ansa)

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 11 MAR - Il Papa che accoglie i clochard in visita alla cappella Sistina, che fa allestire per loro la barberia, un ostello di prima accoglienza, un ambulatorio. E il Papa che partecipa a Bogotà al 2/o congresso mondiale dei movimenti popolari, ne ascolta le istanze per più di un'ora e parla loro per 55 minuti, un tempo più lungo di quello che dedicherà intervenendo all'Onu. E con le stesse parole della sua enciclica ricorda loro che il futuro "non è nelle mani dei potenti ma in quelle dei popoli". Ci sono sempre i poveri, come soggetti e come interlocutori, con la stessa dignità dei potenti e dei grandi, al centro delle immagini del terzo anno di pontificato di Jorge Mario Bergoglio, che si compie il 13 marzo. I poveri al centro, loro che sono i primi a soffrire se non si ha cura della casa comune dell'umanità: ecco allora l'enciclica Laudato si', testo potente sulla tutela dell'ambiente e per un nuovo modello di sviluppo che ha suscitato critiche e adesioni e innescato un dibattito su scala mondiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: papa

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
prev
next