Pompei, entro l'estate domus mai viste

Soprintendente, così la visita più ampia di sempre

25 Febbraio 2016

(© Ansa)

(ANSA) - ROMA, 25 FEB - L'enorme casa di Giulia Felice, singolare esempio di lussuosa 'spa' dell'antichità, ma anche la piccola e preziosissima Domus del frutteto con i suoi coloratissimi affreschi o gli straordinari giardini della Venere in conchiglia, oltre ad una serie di nuovi percorsi 'a tema' e la possibilità di vedere calchi umani fino ad oggi mai esposti al pubblico. Non solo 'Egitto Pompei', la grande mostra realizzata in collaborazione con l'Egizio di Torino e il Mann di Napoli che apre negli Scavi dal 16 aprile con uno scenografico allestimento di statue egizie nella Palestra Grande. A partire dalla primavera, annuncia a margine della conferenza stampa di presentazione del progetto il soprintendente Massimo Osanna, arrivano a Pompei tantissime novità. E l'area visitabile raggiungerà per la prima volta "circa la metà dei 44 ettari scavati" della cittadella antica. "Non c'è mai stata a Pompei una possibilità di visita così vasta", sottolinea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

Brexit, il Labour tra caso Corbyn e spaccatura

Mentre May vede i leader Ue, Corbyn è alle prese con tensioni interne al partito. L'ala centrista vuole farlo fuori. Con nuove regole. E cresce il rischio scissione.

prev
next