Tunisia: rivolta sociale a Kasserine

Proteste e scontri giovani-forze ordine per lavoro che non c'è

20 Gennaio 2016

(© Ansa)

(ANSA) - TUNISI, 20 GEN - Torna ad accendersi la protesta sociale in Tunisia a pochi giorni dalla celebrazione del 5/o anniversario della cacciata del dittatore Zine al Abidine Ben Alì nel Paese culla delle 'Primavere arabe'. A dare fuoco alle polveri, nella regione di Kasserine al confine con l'Algeria, è stata sabato scorso la morte di un giovane disoccupato, Ridha Yahyaoui, fulminato su un pilone dell'alta tensione da dove minacciava di buttarsi perché il suo nome non rientrava più in una lista di nuovi assunti. La regione di Kasserine, non lontano dal confine con l'Algeria, è fra le più sfavorite della Tunisia ed è in questa zona che si trova il Monte Chambi, noto per essere rifugio di gruppi jihadisti. Oggi il ha annunciato un intenso bombardamento aereo dei sentieri utilizzati dai terroristi: raid - è stato spiegato - per impedire ai jihadisti di approfittare delle manifestazioni "sociali" (qui il tasso di disoccupazione è al 27% a fronte del 15,3% a livello nazionale) per introdursi in città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

TAG: tunisia

Nessun commento

Per scrivere un commento è necessario registrarsi oppure accedere con Twitter o Facebook: Loggati - Registrati

Dalla nostra HomePage
Banche, industria e consumi: l'Italia saluta la ripresa

Il Paese rischia di chiudere male il 2016. Pil a +0,8%. Domanda interna bloccata. Ordini e importazioni in calo. E così si complica il lavoro di Padoan in Europa.

Terrore, la narcosi della coscienza ci può salvare

Nizza, Monaco, Rouen: ci abitueremo al male. E l'ossessiva ricerca di soluzioni risulta ripetitiva e inefficace. Successe già negli Anni 70. L'analisi di Lia Celi.

prev
next