Abusi sessuali in Premier League, la Bbc attacca i club e la federazione

Redazione
30/11/2023

La FA è stata accusato di aver permesso a due calciatori e a un allenatore di restare in attività, nonostante le accuse di abusi sessuali ricevute e indagini in corso. Tra le presunte vittime, una ha anche ammesso di aver pensato al suicidio.

Abusi sessuali in Premier League, la Bbc attacca i club e la federazione

La Bbc ha attaccato i club di Premier League e la Federazione inglese, accusandoli di aver mascherato alcuni casi di abusi sessuali e domestici. Secondo quanto riportato dalla British Broadcasting Corporation, il calcio inglese avrebbe deliberatamente ignorato le denunce di alcune presunte vittime. Questo ha portato a dare il via libera a due calciatori e un tecnico, che hanno continuato a giocare e allenare in Premier League nonostante le indagini aperte. Per la Bbc la Football Association punterebbe più a proteggere i propri interessi commerciali, dando a questi la priorità rispetto al tema della sicurezza e della violenza sulle donne.

Le testimonianze: una donna ha pensato al suicidio

Non sono stati rivelati i nomi né dei due calciatori né dell’allenatore al centro dell’inchiesta giornalistica. La Bbc, non potendoli rivelare per non violare le norme sul rispetto della privacy di sospettati, ha così raccolto le testimonianze delle presunte vittime. Una delle donne che sarebbero coinvolte nel caso avrebbe anche pensato al suicidio. Ha dichiarato: «Non volevo continuare a vivere in un mondo in cui mi viene costantemente ricordato che le accuse di violenza sessuale possono essere ignorate finché hai abbastanza talento».

La Bbc: «Sette club con giocatori o dirigenti indagati»

Inoltre la Bbc ha ricordato che dal 2020 ad oggi sono stati sette i club di Premier con giocatori o dirigenti indagati per reati sessuali. Alcune donne hanno raccontato che quando hanno denunciato le violenze, tra le quali anche uno storico rapporto di abusi sessuali su minori, dalla FA e dalla Premier League hanno ottenuto solo risposte tardive, elusive e soprattutto nessuna azione disciplinare nei confronti dei presunti colpevoli.

I casi di Antony e Greenwood

L’ultimo caso di un calciatore di Premier League denunciato per violenza domestica è stato a settembre 2023. Una donna, Gabriela Cavallin, ha accusato di violenza l’ex fidanzato, il giocatore del Manchester United Antony. Dopo sono arrivate altre accuse e il club ha inizialmente deciso di sospenderlo, prima di reintegralo a fine mese. Sempre nei Red Devils milita un altro calciatore travolto da uno scandalo simile, Mason Greenwood, mandato in prestito al Getafe.