Acca Larentia, il caso finisce al Parlamento europeo: si parlerà del «risorgere del neofascismo»

Redazione
11/01/2024

L'Ecr, co-presieduto da Fratelli d'Italia, ha tentato di far rimuovere il dibattito dall'ordine del giorno, ma senza successo. Nel fascicolo della Procura di Roma ci sono oltre dieci indagati per apologia di fascismo. E intanto il ministro dell'Interno Piantedosi ha parlato del saluto romano: «Un'offesa per le vittime».

Acca Larentia, il caso finisce al Parlamento europeo: si parlerà del «risorgere del neofascismo»

La Procura di Roma ha avviato un’inchiesta in relazione al saluto romano di centinaia di militanti durante la commemorazione dei tre giovani uccisi nel 1978 ad Acca Larentia, davanti all’ex sede dell’Msi. Nel fascicolo sono iscritti oltre dieci indagati e si procederà per l’ipotesi di apologia del fascismo. Il ministro dell’Interno Matteo Piantedosi, alla Camera durante il question time del 10 gennaio, ha parlato di «cinque membri di Casa Pound» a cui è stato contestato il reato. E il caso, intanto, arriverà anche al Parlamento europeo.

Il Parlamento Ue discuterà del «risorgere del neofascismo»

Martedì 16 gennaio, infatti, a Strasburgo è in programma una seduta in cui si discuterà del «risorgere del neofascismo in Europa, anche sulla base della parata avvenuta a Roma il 7 gennaio». Come spiegato da Adnkronos, sul tema interverrà sia la Commissione sia l’ufficio di presidenza di turno del Consiglio europeo, ma non sono previste risoluzioni. A chiedere il dibattito è stato il gruppo dei socialisti e democratici. Ma secondo fonti parlamentari, il dibatti sul tema era già presente nella prima bozza della conferenza. Per questo non c’è stato alcun voto per decidere l’inserimento nell’ordine del giorno.

Acca Larentia, il caso finisce al Parlamento europeo si parlerà del «risorgere del neofascismo»
Il Parlamento europeo a Strasburgo (Getty Images).

Fratelli d’Italia ha chiesto di togliere il dibattito dall’ordine del giorno

L’Ecr, il gruppo co-presieduto da Fratelli d’Italia, ha poi chiesto di rimuovere il dibattito, ma non ha ricevuto alcun sostegno da altri partiti politici. Nemmeno l’Id, gruppo presieduto dalla Lega, ha appoggiato la richiesta dell’Ecr durante la conferenza dei presidenti. A decidere è stata la maggioranza e il dibattito ci sarà. E si tratta della prima volta in assoluto in cui viene menzionata la commemorazione della strage di Acca Larentia nel titolo di un dibattito al Parlamento europeo.

Piatendosi: «Saluto romano? Un’offesa alle vittime»

Intanto dopo le dichiarazioni alla Camera, Matteo Piantedosi è intervenuto sul tema anche a L’Aria che tira, su La7. Per il ministro il saluto romano durante la commemorazione è stato «un’offesa che si fa a quelle vittime, che meriterebbero un diverso approccio a distanza di più di 40 anni». E ha parlato anche di Giorgia Meloni: «La sua è la storia di una premier che ha fondato un grande partito politico di massa conservatore e ci è riuscita. Ed è la storia di una premier che si è presentata alle Camere quando c’è stato il voto di fiducia e ha detto delle cose ben precise rispetto alla postura antifascista. Ha espresso il rigetto di ogni tipo di estremismo e di ogni forma di negazione della democrazia compresa quella fascista».

Acca Larentia, il caso finisce al Parlamento europeo si parlerà del «risorgere del neofascismo»
Piantedosi a L’Aria che tira (Imagoeconomica).