Aggredito con l’acido dall’ex fidanzata: 30enne ustionato

Il gesto criminale è avvenuto a Legnano, in provincia di Milano. L'uomo rischia di perdere un occhio. La donna si è costituita ed è stata portata in carcere a San Vittore.

08 Maggio 2019 08.18
Like me!

Lo ha aspettato sotto casa, forse dopo averlo pedinato per l'ennesima volta. E quando lui si è avvicinato al finestrino della sua auto attirato da parole che sembravano di scuse, gli ha rovesciato addosso un bicchiere pieno di acido sfigurandogli il volto e mandandolo in ospedale con gravi ustioni sul 10% del corpo e il rischio di perdere un occhio. È il drammatico epilogo di una relazione durata poco più di un mese e la cui fine non era stata mai accettata da Sara Antonella Del Mastro, 38 anni. L'aggressione ai danni dell'ex fidanzato, 30 anni, è avvenuta nella serata del 7 maggio a Legnano, in provincia di Milano.

LA DINAMICA DELL'AGGRESSIONE

I carabinieri, intervenuti insieme ai soccorritori del 118, hanno ricostruito l'intera dinamica. Del Mastro si è appostata in auto sotto casa dell'ex fidanzato attorno alle 21.30. Quando lui è arrivato davanti alla palazzina, ad aspettarlo c'era anche il fratello gemello preoccupato per la sua incolumità. Pochi giorni fa l'ex fidanzato di Sara aveva sporto denuncia per stalking e lei gli aveva tagliato più volte le gomme della macchina. Quando il ragazzo è sceso dalla sua macchina, la donna ha fatto finta di volersi scusare e lo ha invitato ad avvicinarsi. Quando lui si è chinato verso il finestrino, gli ha lanciato contro il liquido corrosivo. In preda al dolore, sotto gli occhi attoniti del fratello gemello, il 30enne si è accasciato a terra mentre la donna fuggiva a bordo della sua auto. La vittima, soccorsa dai sanitari, è stata portata d'urgenza al pronto soccorso di Legnano e poi è stata trasferita al reparto grandi ustionati dell'ospedale Niguarda a Milano. Lì è stata visitata dagli specialisti, che hanno confermato le gravi lesioni «con interessamento del globo oculare destro e iniziale perdita del visus». La prognosi provvisoria è di due mesi.

DUE GIORNI PRIMA IL VIDEO GIRATO DALLA TRASMISSIONE TELEVISIVA LE IENE

Del Mastro, dopo aver girato in macchina a vuoto, si è costituita ai carabinieri di Legnano. Dimessa con una prognosi di 14 giorni per ustioni di secondo grado alle mani, è stata arrestata per stalking e lesioni gravissime e portata nel carcere di San Vittore. La bottiglia di acido dalla quale ha prelevato il quantitativo usato per sfregiare l'ex fidanzato non è stata ancora trovata. Un atto criminale arrivato dopo un'escalation di atti persecutori, richieste di continui contatti, recriminazioni, insulti, minacce di morte via sms e sui social, continui appostamenti sotto casa. Il 19 aprile lui l'aveva denunciata. Nonostante ciò lei aveva continuato a tormentarlo e appena due giorni prima dell'aggressione era stata avvicinata da un'inviata de Le Iene, chiamata dal fratello gemello della vittima con l'intento di farla desistere. «Io gli ho chiesto scusa, lui ha mai detto "scusa Sara"?», la frase catturata nel video reso pubblico dalla trasmissione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *