Cosa sappiamo sull'agguato davanti all'asilo della Magliana a Roma

Cosa sappiamo sull’agguato davanti all’asilo della Magliana a Roma

10 Gennaio 2019 09.10
Like me!

È morto Andrea Gioacchini, la vittima dell'agguato a Roma, davanti un asilo del quartiere della Magliana. L'uomo aveva appena lasciato i figli a scuola quando è stato raggiunto da alcuni colpi di pistola alla testa. Tutto è successo davanti al nido "Mais e Girasole" in via Castiglion Fibocchi, sotto gli occhi delle maestre e di altri genitori. Ferita lievemente la compagna dell'uomo, una cittadina rumena che è già stata dimessa dall'ospedale.

LA VITTIMA È ANDREA GIOACCHINI

Andrea Gioacchini, 34 anni, era già noto alle forze dell'ordine. Aveva precedenti per diversi reati: usura, estorsione, rapina, detenzioni di armi e stupefacenti, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Era stato ricoverato in codice rosso all'ospedale San Camillo dopo l'attentato del 9 gennaio e da subito le sue condizioni erano gravissime. Gioacchini alcuni anni fa è stato coinvolto in un caso di estorsione ai danni di un imprenditore, che aveva portato alla condanna anche nei confronti di Tamara Pisnoli, ex moglie del calciatore della Roma Daniele De Rossi. Per questa vicenda aveva patteggiato nel 2015 una condanna a otto mesi. Gioacchini era sottoposto a sorveglianza speciale dalle forze dell'ordine.

COLPITO DA DUE PERSONE A BORDO DI UNO SCOOTER

Dopo aver lasciato la figlia all'asilo, l'uomo era appena risalito in macchina quando è stato affiancato da uno scooter con in sella due persone, coperte da giubbotti neri e caschi integrali, che hanno fatto fuoco. A sparare sarebbe stato il passeggero.

CACCIA AGLI AGGRESSORI

La polizia sta dando la caccia agli aggressori, che dopo aver colpito sono fuggiti. Posti di blocco sono stati disposti in tutto il quadrante Sud e Ovest di Roma, e il quartiere della Magliana viene passato al setaccio.

LA SINDACA RAGGI CHIAMA IN CAUSA IL MINISTRO SALVINI

Intano la sindaca di Roma Virginia Raggi ha chiamato in causa direttamente il ministro degli Interni Matteo Salvini. Su Twitter, menzionando l'account del ministro, la sindaca si è detta infatti «indignata per gli spari fuori dall'asilo alla Magliana. Roma ha bisogno di più poliziotti come annunciato dal ministro Salvini. Non è più possibile aspettare, serve un numero di forze dell'ordine congruo per la Capitale d'Italia».

LA REPLICA DEL MINISTRO DEGLI INTERNI

Al tweet della sindaca Raggi, Salvini ha replicato con una diretta video su Facebook vestito da agente: «Più poliziotti, più sicurezza. Questo a Roma e in tutta Italia, noi abbiamo già cominciato a passare dalle parole ai fatti! Certo che se qualche sindaco, invece di fare polemiche, coccolare clandestini o contestare le leggi, facesse bene il suo lavoro, gli Italiani starebbero meglio. Un saluto dalla Magliana ????». Nel video Salvini afferma che «a Roma nel 2018 sono arrivati 55 poliziotti in più, entro febbraio ne arriveranno altri 75».

Più poliziotti, più sicurezza.
Questo a Roma e in tutta Italia, noi abbiamo già cominciato a passare dalle parole ai…

Geplaatst door Matteo Salvini op Donderdag 10 januari 2019

LE TESTIMONIANZE DEI GENITORI E DEGLI ABITANTI DEL QUARTIERE

I residenti in via Castiglion Fibocchi e i genitori dei bambini che frequentano l'asilo nido "Mais e Girasole" hanno parlato con i giornalisti. «Ho sentito tre spari, ma non mi sono preoccupata», ha detto una donna che vive nel palazzo di fronte alla scuola, «pensavo fossero ancora i botti di Capodanno». La donna ha detto di aver sentito «prima un colpo e poi altri due ravvicinati, ma non mi sono affacciata, ho saputo dopo cos'era successo». Una mamma che è andata a riprendere suo figlio all'uscita dal nido, invece, ha raccontato: «Quando ho saputo cos'era successo ho avuto paura per il mio bambino, l'avevo lasciato all'asilo pochi minuti prima dell'agguato. Dall'asilo non ci hanno chiamato, poi però sono stata tranquillizzata dalla chat dei genitori. Le altre mamme, infatti, scrivevano che i bambini non si sono accorti di nulla ed erano regolarmente in classe».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *