I numeri sull’Aids ci dicono che l’eradicazione è lontana

Nel 2018 le morti sono state 770 mila, in calo ma non a sufficienza per raggiungere gli obiettivi previsti. E anche i nuovi casi calano molto lentamente.

16 Luglio 2019 15.41
Like me!

Nel 2018 nel mondo ci sono state 770 mila morti per Aids, un numero in calo rispetto all’anno precedente ma ancora troppo alto per raggiungere gli obiettivi di eradicazione della malattia. Lo afferma il rapporto Unaids presentato a Durban, in Sudafrica, secondo cui 37,4 milioni di persone vivono con l’Hiv e le nuove infezioni sono state 1,7 milioni. I morti sono appena 30 mila in meno rispetto al 2017, con l’obiettivo di arrivare a 500 mila totali entro il 2020 che resta lontano. Pure i nuovi casi calano molto lentamente.

«NECESSARIO AUMENTARE LA LEADERSHIP POLITCA»

«Abbiamo un urgente bisogno di aumentare la leadership politica per mettere fine all’epidemia» – ha sottolineato Gunilla Carlsson, direttore esecutivo di Unaids. «Bisogna investire adeguatamente e in modo intelligente, guardando anche ai Paesi che stanno ottenendo i maggiori successi in questo campo. Sconfiggere l’Aids è possibile se ci concentriamo sulle persone, non sulla malattia, creando road map per i pazienti e le aree rimaste indietro e adottando un approccio basato sui diritti umani per raggiungere le persone più colpite».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *