Airbus chiude la produzione di A380

14 Febbraio 2019 10.07
Like me!

Il gigante europeo dell'aviazione, Airbus, smetterà di costruire il suo superjumbo A380 nel 2021. L'obiettivo era fare del 'gigante dei cieli' il più grande aereo passeggeri al mondo, ma le cose sono andate in maniera diversa. Emirates infatti – sostiene Airbus – sta tagliando gli ordini per l'aereo e di conseguenza «manca la base per sostenere la produzione». La decisione è un vantaggio per la rivale Boeing e un duro colpo per Airbus, che aveva sperato che l'A380 avrebbe surclassato i 747 di Boeing e avrebbe rivoluzionato i viaggi aerei. Invece, le compagnie aeree sono state caute nell'impegnarsi su un aereo così costoso ed enorme al punto che gli aeroporti hanno dovuto costruire nuove piste e modificare i terminal per sistemarlo. Gli A380 hanno iniziato a volare nel 2008, hanno due piani e possono ospitare più di 500 passeggeri.

LA STRATEGIA FALLIMENTARE DEI SUPERJUMBO

La decisione potrebbe colpire circa 3.500 dipendenti dell'azienda, che ha stabilimenti nei principali Paesi europei. La compagnia ha venduto 234 modelli di A380, meno di un quarto dei 1.200 che aveva stimato di vendere al momento del lancio del superaereo a due piani. I piani della società sono stati compromessi a causa del cambio di strategia delle compagnie aeree, che hanno preferito puntare su apparecchi più leggeri e più efficienti dal punto di vista energetico. Le azioni di Airbus sono cresciute del 5% in seguito alla notizia e alla diffusione dei dati sul bilancio del 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *