Aiuto della Bce ai Paesi in crisi: Berlino è critica

Redazione
26/08/2012

La Germania critica la decisione della Banca centrale europea di acquistare sul mercato del debito pubblico dei Paesi in difficoltà....

Aiuto della Bce ai Paesi in crisi: Berlino è critica

La Germania critica la decisione della Banca centrale europea di
acquistare sul mercato del debito pubblico dei Paesi in
difficoltà. Questa volta il monito non arriva dalla cancelliera
Angela Merkel o da uno dei suoi ministri. A lanciare
l’attacco è stato il presidente della Bundesbank, Jens
Weidmann, secondo cui l’ipotesi della Bce – per il presidente
dell’istituto di Francoforte si tratterebbe di una delle
misure eccesionali contro la crisi da attuale se necessario –
sarebbe assimilabile a un «finanziamento degli Stati
stampando moneta».
PERICOLO DI ASSUEFAZIONE DI AIUTI. «In
democrazia devono essere i parlamenti e e non le banche
centrali», ha spiegato Weidmann, «a decidere di una tale
condivisione dei rischi». E poi ha aggiunto: «La manna
delle banche centrali attirerà avidità senza fine, non
bisogna sottovalutare il danno del finanziamento da parte delle
banche centrali che può dare assuefazione, come una droga».