Alarm Phone parla di un nuovo maxi naufragio

Un pescatore ha raccontato di aver salvato tre migranti. Secondo i superstiti sulla barca capovolta davanti alla Libia ce n'erano oltre 100.

19 Agosto 2019 17.33
Like me!

Una nuova strage di migranti potrebbe essere avvenuta nelle stesse ore del braccio di ferro politico sulla Open Arms. Lunedì 19 agosto Alarm Phone, il servizio telefonico al quale si rivolgono le imbarcazioni in difficoltà nel Mar Mediterraneo, ha scritto su Twitter: «Un maxi naufragio? Un pescatore ci ha riferito di una barca capovolta davanti alle coste della Libia. Ha detto di aver salvato tre persone e di aver visto molti cadaveri. I superstiti hanno detto che a bordo c’erano più di 100 migranti. In questo momento non siamo in grado di verificare questa informazione, ma temiamo sia avvenuta un’altra tragedia di massa».

SALVATI ALTRI 37 A BORDO DI UN GOMMONE

Altri 37 migranti sono stati salvati il 18 agosto dalla Guardia costiera libica, mentre si trovavano a bordo di un gommone a 53 miglia a Nord di Khoms. Ventinove sono del Sudan, uno del Mali, due della Mauritania, uno del Kenia, un altro della Somalia, due provenienti dallo Yemen e uno dalla Nigeria. La stessa Guardia costiera ha fatto sapere di averli riportati a Khoms, dove avrebbero ricevuto cure mediche e umanitarie. Ma i migranti non sarebbero stati ancora consegnati «all’Autorità di lotta contro le migrazioni clandestine». Negli ultimi tempi la Guardia costiera libica ha criticato apertamente il governo di Tripoli, per il fatto che sempre più spesso i migranti soccorsi verrebbero lasciati per ore sulle banchine dei porti in attesa di essere detenuti nei centri per migranti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *