Si apre portellone, panico in volo: Alaska Airlines mette a terra tutti i Boeing 737-MAX 9

Redazione
06/01/2024

Nessuno dei 174 passeggeri e dei sei membri dell’equipaggio è rimasto ferito. La Federal Aviation Administration ha avviato un'indagine sull'incidente, che ha costretto l'aereo all'atterraggio di emergenza a Portland poco dopo il decollo.

Si apre portellone, panico in volo: Alaska Airlines mette a terra tutti i Boeing 737-MAX 9

Momenti di vero terrore per passeggeri ed equipaggio del volo 1282 della Alaska Airlines, costretto a un atterraggio d’emergenza poco dopo il decollo da Portland in seguito al distacco di un portellone e di parte della fusoliera. Per fortuna non ci sono stati feriti o ancor peggio vittime tra le 180 persone a bordo. Dopo quanto accaduto, la compagnia ha annunciato che lascerà a terra tutti i Boeing 737-MAX 9 della sua flotta. La Federal Aviation Administration ha avviato un’indagine sull’incidente.

Alaska Airlines ha deciso di fermare tutti i 65 Boeing 737-MAX 9 della sua flotta

Il Boeing 737-MAX 9 (stesso modello del MAX 8 ma più grande) al centro di questa vicenda era partito dall’Oregon ed era diretto in California con a bordo 174 passeggeri e sei membri dell’equipaggio. Adesso rimarrà «temporaneamente» a terra, ha fatto sapere Alaska Airlines, insieme con gli altri modelli identici della compagnia americana. «Ogni aereo sarà rimesso in servizio solo dopo il completamento della manutenzione completa e delle ispezioni di sicurezza», ha annunciato il ceo Ben Minicucci.

Il Boeing MAX era rimasto a lungo a terra dopo due incidenti con 346 vittime

A marzo del 2019 il 737 MAX (velivolo relativamente nuovo in produzione dal 2016) era stato messo a terra in tutto il mondo dopo che 346 persone erano morte nello schianto dei voli Lion Air 610 ed Ethiopian Airlines 302, avvenuti in circostanze simili. Gli investigatori attribuirono gli incidenti al nuovo sistema automatizzato di Maneuvering Characteristics Augmentation System (MCAS): le indagini evidenziarono l’insabbiamento da parte di Boeing e la mancanza di certificazione della FAA. Il MAX è tornato poi in servizio dopo un anno e mezzo.