Le condizioni di Alberto Scagni dopo l’aggressione in carcere

Redazione
24/11/2023

Trasportato in ospedale in codice rosso, ha riportato fratture in diverse parti del corpo ed è in coma farmacologico. È stato sequestrato e torturato per due ore da altri detenuti dell'istituto penitenziario di Sanremo.

Le condizioni di Alberto Scagni dopo l’aggressione in carcere

Alberto Scagni, il 42enne di Genova che ha ucciso la sorella Alice l’1 maggio 2022 e che per questo sta scontando una condanna di primo grado a 24 anni e quattro mesi, è stato ricoverato in ospedale in condizioni critiche dopo essere stato vittima di un’aggressione da parte di altri due detenuti nella sezione protetta del carcere di Sanremo.

Alice Scagni, uccisa dal fratello iil 1 maggio 2022
Alice Scagni, uccisa dal fratello il 1 maggio 2022 (X).

Il sequestro e le torture in carcere

In base a quanto riferito sulla vicenda, pare che Alberto Scagni sia stato tenuto per più di due ore in ostaggio da due detenuti che lo hanno picchiato violentemente, quasi fino ad ucciderlo. L’intervento della polizia penitenziaria ha permesso di trarre in salvo l’uomo, che è stato trasportato all’ospedale in condizioni critiche Per i due aggressori è scattata l’accusa di tentato omicidio e sequestro di persona.

Le condizioni di Scagni

Fin da subito dopo l’intervento della polizia penitenziaria, era emerso che le condizioni di salute di Alberto Scagni fossero molto gravi. Entrato in codice rosso all’ospedale Borea di Sanremo, il detenuto è stato intubato e, al momento, è in coma farmacologico. La sua stanza è piantonata dagli agenti delle forze dell’ordine. Il referto parla di diverse fratture, tra cui quella del naso, con il detenuto che sarebbe stato colpito violentemente con sedie e badili. Non è la prima volta che Scagni subisce un’aggressione in carcere: era stato già picchiato nell’istituto di Marassi appena dopo il suo ingresso nella struttura.