Le cose da sapere sull’alpinista ferito in Pakistan

Francesco Cassardo, torinese, stava discendendo in sci dal Gasherbrum VII quando è caduto. Il 22 luglio è stato recuperato dall'elicottero.

21 Luglio 2019 16.16
Like me!

L’alpinista Francesco Cassardo, ferito durante la discesa dal Gasherbrum VII, in Pakistan, è stato recuperato dall’elicottero messo a disposizione dalle auorità di Islamabad. La notizia è stata data su Facebook da Cala Cimenti, compagno di cordata e primo soccorritore di Cassadro. L’elicottero è arrivato nell’area di Skardu, nel Gilgit Baltista, e Cassardo è stato trasferito in ospedale per le cure.

L’INCIDENTE A 6.200 METRI

Gli elicotteri non hanno potuto raggiungere oggi i due alpinisti sul Gasherbrum VII in quanto l’incidente è avvenuto a una quota di 6.200 metri, circa di mille metri superiore a quella considerata di sicurezza per i voli degli elicotteri nelle operazioni di soccorso, soprattutto quando il caldo crea un forte riverbero. L’incidente, ha spiegato Da Polenza è avvenuto ieri: Cala Cimenti, che aveva raggiunto la vetta del Gasherbrum VII, stava scendendo con gli sci quando ha incontrato Francesco, che saliva molto lentamente probabilmente perché era arrivato in Pakistan da pochi giorni e non aveva avuto un sufficiente acclimatamento. Arrivato al campo, Cala Cimenti ha visto precipitare il ragazzo per 500 metri e ha subito attivato i soccorsi.

GLI ALPINISTI IN SOCCORSO

«Visto che l’elicottero non arriva abbiamo deciso di portarlo giù a piedi. Probabilmente cammineremo tutta la notte ma portiamo Francesco in salvo», è stato il messaggio che Cimenti, dal Gasherbrum VII, ha fatto diffondere. A portarsi sul posto sono stati gli alpinisti Denis Urubko e Dan Bowie. Dal campo base, secondo quanto viene riferito, si stanno preparando a muoversi anche due polacchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *