Ronca, il Cavaliere di Malta che fa irritare la Farnesina

L'ex ambasciatore è diventato rappresentante del Sovrano Ordine e sta reclutando nella sua squadra vecchi funzionari. E nel ministero degli Esteri cresce il malcontento.

28 Maggio 2019 07.13
Like me!

Il Sovrano Ordine di Malta sta diventando una dependance della Farnesina o viceversa? Stefano Ronca, diplomatico italiano andato in pensione (è del 1949) dopo una lunga carriera iniziata al ministero degli Esteri nel 1974 e terminata come capo del Cerimoniale diplomatico della Repubblica (2010-2016), che è stato voluto dal Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, Albrecht Freiherr von Boeselager, quale ambasciatore presso lo Stato italiano nonché coordinatore di tutti gli ambasciatori dell’Ordine nel mondo, sembra voler trasformare il palazzo di Via Condotti 68, dove l’Ordine di Malta ha sede e gode dell’extraterritorialità, in un circolo di feluche italiane in pensione. Ronca sta infatti costituendo la sua squadra cooptando ambasciatori italiani, come per esempio Daniele Verga e Giuseppe Morabito, nominati suoi assistenti e incaricati di organizzare con lui l’attività di reclutamento.

Tutto ciò risulta facile, dopo essere stato tanti anni dall’altra parte della barricata e dunque conoscendo tutti i punti di forza e di debolezza della Farnesina. Li può sfruttare nell’interesse dell’Ordine di Malta, che tra l’altro riceve dal governo italiano circa 50 milioni l’anno per fornitura di servizi vari. Per esempio, Ronca sta lavorando a un accordo con il ministero della Difesa per ampliare il fronte del lucroso business. La cosa non è ovviamente passata inosservata agli occhi della dura Elisabetta Belloni, segretario generale della Farnesina, che ha raccolto la lamentela di alcuni colleghi: «Ma come, dopo aver servito l’Italia, ora Ronca rappresenta un altro Stato e i suoi interessi presso lo Stato italiano! Non è né etico né opportuno che dei nostri ex rappresentino gli interessi di altri a Roma. L’Ordine di Malta ha molti cavalieri in Italia, può tranquillamente scegliere chi non possa sfruttare informazioni riservate acquisite come facente parte del mondo diplomatico italiano».

Ronca oggi fa parte del quadrumvirato che rappresenta l’architrave del potere dentro l’Ordine di Malta

Ronca – che è stato alla Nato, a Londra, Washington, e ambasciatore in Romania e Argentina oltre ad aver ricoperto numerosi incarichi di prima fila al ministero – oggi fa parte del quadrumvirato che rappresenta l’architrave del potere dentro l’Ordine di Malta, insieme a Boeselager (“Bali’ Gran Croce di Onore e Devozione in Obbedienza”), che non è solo a capo dell'esecutivo ma anche ministro degli Affari Esteri dell’Ordine, al ministro Winfried Graf Henckel von Donnersmarck, considerato il vero Richelieu del Sovrano Ordine, e a Fra’ Giacomo Dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, il Gran Maestro (cioè il più alto in grado dal punto di vista religioso) con cui il papa volle sostituire il discusso Fra’ Matthiew Festing.

Quello di cui si occupa la rubrica Corridoi lo dice il nome. Una pillola al giorno: notizie, rumors, indiscrezioni, scontri, retroscena su fatti e personaggi del potere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *