Andrea Mura è stato espulso dal M5s

Andrea Mura è stato espulso dal M5s

26 Luglio 2018 14.01
Like me!

Il deputato Andrea Mura, al centro delle polemiche per le sue assenze alla Camera, è stato espulso dal Movimento 5 stelle. L'annuncio è arrivato su Facebook dal coordinatore sardo dei pentastellati, Mario Puddu. «Chi non segue le regole va a casa!», ha scritto Puddu, «Andrea Mura era stato candidato per fare il parlamentare della Repubblica italiana con il Movimento 5 stelle, quindi a patto di seguire delle regole precise: taglio stipendio e impegno costante in parlamento. Con altre forze politiche si possono fare intere carriere politiche non andando in parlamento, ma non col Movimento 5 stelle. Da noi resta solo chi segue le regole. Per chi vuole solo una poltrona non c'è spazio».

MURA ESPULSO DAL MOVIMENTO 5 STELLE: CHI NON SEGUE LE REGOLE VA A CASA!

Andrea Mura era stato candidato per fare il…

Geplaatst door Mario Puddu op Donderdag 26 juli 2018

Molto duro anche il post apparso sul Blog delle Stelle e firmato da Francesco D'Uva, capogruppo grillino a Montecitorio: «Mura espulso dal M5s: nessuna pietà per chi non segue le regole». Nel post si legge: «Non è tollerabile l’atteggiamento del deputato Andrea Mura che con il 96,8% di assenze in parlamento ha dimostrato irresponsabilità e menefreghismo, mancando di rispetto agli italiani che hanno dato fiducia al Movimento e a tutti i suoi colleghi che non hanno mai smesso di lavorare in parlamento». L'espulsione dal partito, in ogni caso, non comporta la decadenza dal seggio e Mura potrà iscriversi al gruppo Misto, a meno che non decida di dimettersi.

Andrea Mura con il 96,8% di assenze in parlamento ha dimostrato irresponsabilità, menefreghismo e mancanza di rispetto…

Geplaatst door Paola Taverna op Donderdag 26 juli 2018

L'interessato, però, non ci sta a passare per uno "scioperato". E in un'intervista rilasciata il 25 luglio all'agenzia di stampa Ansa ha spiegato: «La notizia secondo cui avrei il 97% di assenteismo è totalmente falsa e infondata. La mia presenza fino al 19 luglio è stata pari al 59%, basta vedere i dati ufficiali della Camera. E non è vero che sto veleggiando, perché la mia barca è ferma dal 30 settembre 2017». Mura, velista cagliaritano di fama internazionale, si è difeso anche dall'accusa di aver pronunciato frasi irrispettose nei confronti del parlamento: «Ho grande rispetto per le istituzioni e non mi sognerei mai di dire certe cose» (leggi anche: Di Maio contro Mura: «Avrebbe già dovuto dimettersi»).

COMUNICATO STAMPA

Sono un uomo di sport, velista professionista, per questo mi è stato chiesto di candidarmi con il…

Geplaatst door Andrea Mura op Woensdag 25 juli 2018

Sulla vicenda, secondo Mura, «ci sono state varie fake news» e di fronte a «questa tempesta mediatica violentissima il Movimento mi ha ingiustamente abbandonato in mezzo al mare. Sono un navigatore solitario degli oceani, abituato ad affrontare con pazienza le burrasche più dure. Ho chiesto un confronto con i vertici per chiarire al più presto tutto quanto». Lo skipper ha ricordato di essere «un uomo di sport» e proprio per questo motivo il Movimento gli avrebbe «chiesto di candidarsi». Lui, però, avrebbe sempre detto di essere intenzionato a proseguire la sua attività una volta eletto, «perché credo sia un modo per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema della tutela del mare. In Sardegna il Movimento ha vinto una campagna elettorale durissima anche grazie al mio contributo con circa 60 mila voti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *