Come cambiano le regole sugli incandidabili alle Europee

Come cambiano le regole sugli incandidabili alle Europee

10 Gennaio 2019 10.18
Like me!

Nuove restrizioni alla candidabilità in arrivo per le elezioni Europee. La Commissione parlamentare Antimafia controllerà le liste dei candidati per le Regionali che si terranno in Abruzzo e in Sardegna ma seguendo il Codice per le candidature attualmente in vigore mentre a partire dalle elezioni di primavera entreranno in vigore nuovi parametri di esclusione delle liste. «La prossima settimana contiamo di approvare il nuovo Codice riformato e poi il testo andrà alle Camere», ha detto la relatrice Dalila Nesci (M5S). Ma cosa prevedono le nuove regole? Che vengano esclusi anche tutti i condannati – con sentenze passate in giudicato – per reati societari e contro la pubblica amministrazione. Ma anche chi si è macchiato di reati come caporalato, tratta delle persone, autoriciclaggio, bancarotta fraudolenta e false comunicazioni sociali (aggiotaggio) e corruzione tra privati. Inoltre la nuova bozza terrà conto anche delle novità della legge spazza corrotti sulla durata della prescrizione e sulle nuove regole sulla trasparenza dei partiti e dei movimenti politici. L'introduzione della autoregolamentazione dei deputati sull'incandidabilità ad opera della commissione antimafia risale al 2014.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *