Aosta, il post del professore contro gli studenti: «Darei loro fuoco, spero prendano la broncopolmonite»

Redazione
08/01/2024

Sconcerto al liceo Regina Maria Adelaide per le frasi contro gli alunni dopo un'ora di supplenza in una classe dell'indirizzo economico-sociale. Il dirigente scolastico: «Procedure avviate, sono sconcertato e amareggiato». Potrebbe intervenire anche l'assessore regionale all'Istruzione.

Aosta, il post del professore contro gli studenti: «Darei loro fuoco, spero prendano la broncopolmonite»

Un professore del liceo Regina Maria Adelaide di Aosta ha scritto un post su Facebook in cui ha affermato: «Darei volentieri fuoco agli studenti come a Giovanna d’Arco». A raccontarlo è stato il Corriere della Sera, che ha spiegato come il riferimento dell’insegnante fosse agli alunni del Les, il liceo economico sociale. Il tutto dopo un’ora di supplenza svolta l’ultimo giorno prima delle vacanze di Natale, a dicembre. Le parole del docente sono state riprese da alunni e genitori e sono finite sul tavolo del dirigente scolastico Giovanni Peduto e della sovrintendente agli studi Marina Fey. Allertato anche l’assessore all’Istruzione della Regione Valle d’Aosta Jean-Pierre Guichardaz.

Il post completo è stato rimosso

Il docente ha anche articolato, nel post, i motivi dell’esternazione. Nel contenuto social, poi rimosso, si leggeva: «Non è cambiato nulla rispetto a otto anni fa, quando ci insegnavo io. Incapaci di star seduti, di stare fermi, di alzarsi da una sedia senza far rumore. O incapaci di parlare senza gridare e di guardare un film l’ultimo giorno di scuola. Perché non hanno altri mezzi per affermare la propria esistenza se non urlando. Incapaci di accettare la più elementare norma di comportamento, perché in famiglia non ne hanno mai ricevuta nessuna. E visto che i termosifoni accesi in questa scuola non li ho mai sentiti, una classe che in questa stagione tenga tutte e quattro le finestre aperte per cinquanta minuti non è composta da studenti. Ma da emerite teste di c. Spero che trascorrano il 2024 con la broncopolmonite fulminante».

Il preside Peduto: «Ora un procedimento disciplinare»

Sulla vicenda è intervenuto Giovanni Peduto. Il dirigente scolastico del Liceo ha spiegato all’Ansa: «Sono state attivate le procedure previste. Esiste un procedimento disciplinare, che è stato attivato. Ci saranno vari step da seguire e poi si arriverà a una decisione. Potrebbe essere mia o della Regione Valle d’Aosta, perché a seconda della gravità del fatto, la decisione può essere presa anche dall’ufficio procedimenti disciplinari della Regione. Quindi il procedimento sicuramente andrà per le lunghe, la decisione non sarà immediata. Sono rimasto sconcertato e molto amareggiato, perché questo post è offensivo nei confronti degli alunni del Les e degli insegnanti del Les».

Poi ha concluso: «Noi educatori, in quanto educatori se proprio decidiamo di utilizzare i social, dobbiamo usarli in modo consapevole, responsabile, utilizzando un linguaggio corretto e rispettoso di tutti. Questo post non doveva essere scritto, purtroppo è stato scritto. C’è una procedura prevista in questi casi e la procedura è stata applicata».