Famiglie omogenitoriali, apertura a Milano

23 Aprile 2018 16.21
Like me!

La scelta del sindaco di Torino Chiara Appendino di registrare all'anagrafe un bambino nato in Italia con due madri come genitrici è guardata con interesse anche a Milano. Parlando al telefono con Lettera43.it, l'assessore Pierfrancesco Majorino ha detto che «se Torino apre una strada intelligente è bene seguirla».

«UNA COSA BELLA E IMPORTANTE». L'assessore comunale alle Politiche sociali, Salute e Diritti precisa di esprimere «un'opinione personale, non ne abbiamo mai parlato in Giunta» e al momento non c'è in programma di farlo. Tuttavia, sulla sua bacheca Facebook l'assessore ha postato la notizia della scelta della sindaca di Torino definendola «una cosa bella e importante».

L'assessore sostiene che «siamo in una situazione legislativa non chiarissima, non è evidente quali possibilità abbiano gli enti locali di intervenire». E tuttavia, ricorda Majorino, il Comune di Milano ha già assunto posizioni forti sul tema dei diritti Lgbt (Lesbiche, gay, bisessuali e trans). In particolare la Giunta, quando sindaco era Giuliano Pisapia, si era scontrata con l'allora ministro dell'Interno Angelino Alfano per la scelta di non cancellare la trascrizione di matrimoni omosessuali contratti all'estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

ARTICOLI CORRELATI

Commenti: 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *